Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

10-11-2012

riscontro di nodulo periferico

chiedo cortesemente se secondo Lei sia necessario effettuare ulteriori accertamenti a seguito di ecografia prostatica transrettale riportante il seguente risultato: 'vescica ben espansa, a pareti nette, priva di inclusi endoluminali.Dopo minzione ristagnano in vescica circa 170 cc urina; aumento volume di 88 cc con ipertrofia adenomatosa centrale (5 cm) che include nel lume vescicale per tratto di 2 cm; alcune minute cisti da ritenzione e calcificazioni nel contesto della ghiandola centrale. Nel contesto del mantello periferico in sede mediana parrebbe riconoscibile minuta irregolarita' nodulare, ipoecogena di 4-5 mm. regolare le vescicole seminali, non versamento nel Douglas.La cosa mi preoccupa un pò. Ringrazio fin d'ora.
Risposta

Gentile Signore,

purtroppo lei omeete di riferirci un paio di informazioni indispensabili a giudicare la situazione in modo appropriato, ovvero i risultati del PSA e la presenza ed entità di disturbi ad urinare. Pertanto, la nostra risposta è necessariamente piuttosto articolata, ci auguriamo che lei riesca a riconoscere tra le varie possibilità, quella che maggiormente attiene alla sua reale situazione.

In pratica, l'ecografia trans rettale eseguita dimostra un ingrossamento prostatico tipico di dimensioni cospicue (5 cm) con considerevole residuo vescicale. Inoltre si rileva un piccolo nodulo periferico di natura da determinarsi.

Le due situazioni si sovrappongono, ma richiedono un approccio diagnostico, ed eventualmente terapeutico separato.

L'ingrossamento della ghiandola (cosiddetto "adenoma") si correla con eventuali disturbi ad urinare, con difficoltà di svuotamento, oggettivate dal residuo elevato dopo minzione. In base alla reale entità dei disturbi si può modulare una terapia farmacologica (che immagino lei stia già assumendo) ovvero dare indicazioni ad un intervento endoscopico disostruttivo.

Per quanto riguarda il nodulo periferico: 1) se esso risulta anche palpabile alla esporazione rettale, vi è indicazione ad eseguire una biopsia; 2) se il PSA è superiore a 4, ovvero appare chiaramente in ascesa a successivi controlli eseguiti nel corso degli ultimi anni, vi è indicazione ad esegure una biopsia; 3) se le condizioni precedenti non sussistono, è consigliabile proseguire con i dossaggi del PSA totale e libero, una volta l'anno; 4) se la biopsia risultasse negativa, in base ai disturbi ad urinare, si confermerà la terapia o le indicazioni all'intervento endoscopico.

Saluti

 

TAG: Reni e vie urinarie | Urologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!