L’ESPERTO RISPONDE

Salve gentile medico sono un ragazzo di 28 anni.

Salve gentile medico sono un ragazzo di 28 anni. dopo quasi 10 anni in cui non ho praticato sport ho cominciato a correre da un paio di mesi. all'inizio ho corso meno, circa una ventina di minuti intervallati (ogni 10) al giorno o quasi ed ora man mano arrivo a quaranta, sempre intervallati e quasi tutti i giorni. circa 10 giorni fa ho fatto un... Leggi di più ecodoppler ed è risultato tutto ok tranne un lieve Rigurgito tricuspidale con pap nella norma ed ho fatto anche un ECG (circa un mese fa quest'ultimo) che era normale. Poi qualche giorno fa in preda ad un po' di Ansia mi sono controllato il battito a riposo ed ho visto che era di circa 51-53 battiti al minuto(da seduto). Io ho sempre avuto circa 60 battiti al minuto da seduto a riposo tant'è vero che l'ecg di un mese fa circa diceva 64 di frequenza. è vero che sono un tipo molto ansioso ed ho sofferto anche di attacchi di panico in passato fatto sta che ho rifatto un ecg dove avevo la pressione 70-105 e la frequenza 52. sono andato dal mio medico che mi ha detto che devo stare più tranquillo che non ho niente ed è dovuto allo sport quest'abbassamento forse e comunque non è patologico. Vabbè, comunque ogni tanto ricontrollo a riposo sempre da seduto e vedo che ho sempre da 51 a 53 circa al minuto. non mi agito però mi chiedo se sia normale che in soli 2 mesi di corsa (quasi tutti i giorni una 40ina di minuti al giorno) abbia avuto un abbassamento di frequenza così rilevante, ripeto ho sempre avuto non meno di 60 di frequenza a riposo. l'ultimo ecg dice il mio medico che avrebbe smascherato eventuali anomalie ma ripeto sono un po' ansioso e vorrei avere la conferma da un esperto come lei. Inoltre ultimamente in alcuni siti ho letto che chi fa sport dovrebbe tenere un po' sotto controllo la frequenza durante lo sforzo per praticarlo senza alcun rischio, cosa che io non fatto all'inizio e mi è sorto il dubbio che magari non abbia subito qualche piccolo danno. Le mie domande sono queste, un eventuale disturbo o danno in seguito magari ad un eccessivo sforzo cardiaco (all'inizio spingevo un po' anche se faticavo) sarebbero stati evidenziati da l'ecg fatto sia dopo un mese dall'inizio della pratica che pochi giorni fa e dall'ecodoppler da me effettuato il 4l uglio? (da qualce parte mi sembra di aver letto che se si hanno dei danni ci si sente male al momento del picco di sforzo non restano dopo). Ed infine, la frequenza a 52 circa (è sempre così da seduto) è normale dopo soli 2 mesi di pratica seppur continua (in effetti fatico meno rispetto all'inizio sono un po' allenato) per una persona che ha sempre avuto non meno di 60 di frequenza? Ringrazio infinitamente per la pazienza spero capiate una persona un po' ansiosa (forse un po' troppo) che pratica sport da sola e non avuto forse tutte le accortenze necessarie per evitare qualsiasi rischio e vuole essere un po' più tranquillo nonostante ha effettuato vari esami. Ancora grazie infinite anticipatamente. Claudio.

Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche

L’attività fisica, in un soggetto della sua età, se fatta in modo costante produce una riduzione della frequenza cardiaca anche solo dopo un mese dall’inizio. L’elettrocardiogramma e l’ecocardiogramma invece non mostrano variazioni se non dopo molto tempo e quando l’attività è di tipo agonistico/professionistico e per particolari tipi di sport. Lei dunque non deve preoccuparsi della frequenza cardiaca scesa a meno di 60 battiti/minuto. Continui a... Continua fare attività fisica e eventualmente contatti un Centro di Medicina dello Sport per controllare la funzione cardiorespiratoria se decide di aumentare l’intensità e la durata della corsa.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Escherichia coli: che cos'è e quali sono i sintomi
Escherichia coli: che cos'è e quali sono i sintomi
1 minuto
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
1 minuto
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
1 minuto
Vaiolo delle scimmie: cos’è e quali sono i sintomi
Vaiolo delle scimmie: cos’è e quali sono i sintomi
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Napoli
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina dello sport
Prov. di Salerno
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Verbano Cusio Ossola
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Ascoli Piceno
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Ancona (AN)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Enna (EN)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Radiodiagnostica
Mazara del Vallo (TP)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Anestesia e rianimazione
Prov. di Bologna
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Cardiologia
Sanremo (IM)