Salve,Sono un uomo di 52 anni.La mia cronologiaInizio gennaio: prime sensazioni di indolenzimento sotto il seno sinistro. Soprattutto la sera. Associate a difficoltà di respirazione durante i momenti di esercizio fisico (pulizie domestiche, scale). Nello stesso periodo quasi interrotto il fumo (precedentemente 6-7 al giorno).Cardura: 2 mg/g (ma non... Leggi di più proprio tutti i giorni) Intorno al 25 febbraio. Intensificarsi dell’indolenzimento e del senso di pressione anche durante la mattina. Aumento delle pulsazioni. Sintomi ulteriori la sera: incordatura del collo, pressione sugli occhi e alle tempie, dispnea.Tra il 26 febbraio e il 1° Marzo due volte al Pronto Soccorso di Monterotondo. Esami normali, pressione al momento dell’arrivo 120-180. Inizio di terapia a base Tareg (160 mg/g) associato a Cardura (2 mg/g).4 marzo: ricovero al Pertini. Pressione all’ingresso 120-200, esami normali, viene poi rilevata estasia dell’aorta (50 mm) in assenza di dissezione. Nel corso del ricovero la pressione torna normale (70-120 mattina, 90 -130 sera).Terapia prescritta: Naprilene: 5 mgTra il 7 (giorno di uscita) e il 9 marzo, a casa, la pressione torna a salire. Aumento del dolore al seno sinistro con leggero senso di soffocamento (difficoltà di tenere indumenti troppo accollati).Dal 9 al 12 marzo utilizzati: Naprilene: 10 mg/g e Cardura: 2 mg/g.Dal 12 marzo sensazione di maggior leggerezza e riduzione a Naprilene 5 mg/g e Cardura: 2 mg/g.Anche l’indolenzimento al torace scompare in condizioni di riposo (ma ritorna durante il moto).Il 13 marzo, primo giorno di attività lavorativa, arrivo al Policlinico per prenotare una visita – senza aver pranzato e dopo mezzo chilometro a piedi - con dolore toracico intenso, formicolio, soprattutto al braccio sinistro e gonfiore dita (destre e sinistre). La pressione rilevata è bassa (110 – 70). Mi viene consigliato di prendere subito qualcosa al bar. Sensazione di giramento di testa.Aggiungo, la sera datteri, nocciole e una meringa.Il 14 marzo sento debolezza durante la giornata, la sera mangio più del solito, ma sono vicino a perdere i sensi, come dopo una sbornia. Difficoltà di tenere gli occhi fissi e di restare in equilibrio, in piedi. Formicolio e gonfiore alle mani. Difficoltà di respirazione e dolore toracico al momento dell’inspirazione. Durante la notte risveglio con le estremità gonfie e arrossate, come dopo congelamento. Quindi sudorazione, accompagnata da gonfiore allo stomaco e cenni di colite.Che puo essere? Devo preoccupare? Ho una visita con cardiologo tra un mese.Grazie