22-11-2012

sepsi urinaria

Buonasera, ho 25 anni e non ho mai avuto rapporti sessuali per scelta. Da 26 giorni assumo Zoely per dismenorrea. Da pochi giorni dopo l'assunzione ho iniziato ad avere delle perdite, spotting, che la mia ginecologa ha ritenuto normali per il primo/primi cicli di pillola e che continuano tuttora. Nel frattempo varie volte il mio ragazzo mi ha praticato una stimolazione manuale dei genitali esterni, tendenzialmente con le mani pulite, ma non certamente asettiche. Avvertendo da qualche giorno stimolo maggiore ad urinare ed alle volte bruciare nella minzione, ho eseguito urinocoltura da mitto intermedio che però non ho eseguito nelle condizioni igieniche esterne necessarie e superficialmente ho raccolto anche il primo getto per cui è risultato un popolazione microbica da contaminazione e suppongo che dovrò rifare gli esami. Aggiungo anche che mi sono indebolita in questo periodo, ho fatto la pertosse. Vorrei sapere sempre che il nuovo esame urine diagnosticherà un'infezione quanto questa può essere dovuta alla pratica della stimolazione manuale e se tendenzialmente è guaribile (o altre cause elencate) e se quest'ultima è veicolo di infezioni e se sì come fare per conciliare tale pratica ed ulteriore igiene, cioè cosa utilizzare prima e dopo. Saluto e ringrazio
Risposta di:
Prof. Antonio Oliviero
Specialista in Chirurgia generale e Ginecologia e ostetricia
Risposta

per una urinicoltura PERFETTA necessita prelievo con catetere

TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile