16-02-2017

Sostanze dannose per i polmoni

Sono stato assunto da un settimana in un'industria refrattaria che produce calcestruzzo refrattario. Essendo a casa da 1 anno ho accettato la proposta. L'industria refrattaria tratta sostanze dannose per i polmoni come quarzo, ghisa, silicio. Io ho la mascherina, ma a volte si crea tanta polvere e ciò mi impaurisce. Posso avere più informazioni a riguardo? Quali sono i rischi potenziali? Quanto mi conviene stare per non rischiare?

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

L'esposizione a polveri minerali (ad esempio asbesto) possono provocare malattie polmonari chiamate pneumoconiosi. I lavoratori esposti a queste polveri normalmente sono soggetti a controlli annuali (in alcuni casi trimestrali) da parte del medico di fabbrica. Eventualmente può rivolgersi al medico di fabbrica per ulteriori delucidazioni.
In ogni caso desidero ricordarle che il tabagismo peggiora l'esposizione a tali polveri, pertanto, se è fumatore, smetta. Continui a portare la mascherina/filtro antipolvere, anche se è faticosa da sopportare per tante ore, specie nella stagione estiva, è una ottima protezione individuale e la non osservanza delle regole è punita dalla legge (sia il datore di lavoro che l'operaio). Cordiali saluti.

TAG: Malattie dell'apparato respiratorio | Polmoni e bronchi | Salute sul lavoro | Tossicologia medica