Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

08-01-2019

Spondilite anchilosante

Dopo circa 10 anni di terapia con infliximab (Remicade) con la quale sono stato bene, da 8 mesi ho interrotto le infusioni, inizialmente a causa di un Erpex. Ora trovandomi nel bisogno di riprendere la terapia, mi viene proposto di passare ad un farmaco che si chiama Simponi (punture sottopelle che dovrei farmi da solo una volta al mese), anche perchè sembra che riprendere il Remicade dopo un periodo così lungo possa dare reazioni gravi. Volevo chiedere questo: è veramente pericoloso nel mio caso riprendere Remicade dopo 8/9 mesi, e quanto? poichè non me la sento di iniziare questa nuova terapia, e considerato che da quanto ho letto a mi sembra che Simponi abbia possibili effetti collaterali gravi quanto e forse più di Remicade, esiste qualche altra terapia sostitutiva per la mia patologia? In attesa di un cortese riscontro al riguardo, ringrazio sentitamente.
Risposta di:
Dr. Gianpiero Molucchi
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia
Risposta
La proposta terapeutica frattale è corretta. Abbia fiducia e sappia affidare ad altri l'accudimento medico che la riguarda. Le f. sc non sono problema grave. Sappia perché è corretto fare riferimento al suo mmg. In bocca al lupo e coraggio.
TAG: Malattie dell'apparato respiratorio | Psichiatria
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!