15-03-2017

Tatuaggio collo e linfonodo

Buongiorno Dottore sono un ragazzo di 40 anni alto 1.65 e peso circa 74 kg. 7 giorni fa (premetto che ho molti altri tatuaggi in nero su tutto il corpo) ho fatto il mio primo tatuaggio a colori sul collo sulla parte sinistra e ho notato il giorno dopo che mi si è gonfiato un linfonodo vicino, poco sotto il disegno, grosso poco meno di una biglia, vorrei sapere come mi devo comportare e se può essere pericoloso. Grazie. Saluti

Risposta di:
Dr. Corrado QuadriniDottore Premium
Specialista in Dermatologia e venereologia e Psicologia e Psicoterapia
Risposta

Caro signore, il linfonodo può essere semplicemente reattivo al tatuaggio, ed in questo caso risolverà spontaneamente col tempo. Oppure potrebbe essere il segno iniziale di un'allergia al colorante, ed in questo caso sono dolori, perché presto inizierà il prurito e l'eczema legato al colore. Oppure potrebbe essere un linfonodo da piccola sepsi superficiale, ed in questo caso può risolvere spontaneamente o l'infezione persistere più a lungo e richiedere terapia antibiotica. Le consiglio comunque, se persiste, di consultare un dermatologo a lei vicino. Cordialità Corrado Quadrini

TAG: Dermatologia e venereologia | Ghiandole e ormoni | Otorinolaringoiatria | Pelle
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!