L’ESPERTO RISPONDE

Trattamento osteopatico di sindrome adduttoria

Gentile Dottore,circa un anno fa ho provato un intenso dolore fra inguine e adduttore sinistro, in seguito ad un esercizio di affondo con sovraccarico ( sono un appassionato di fitness e mi alleno con i pesi). Nei giorni successivi il dolore ha continuato a persistere e si è mantenuto acuto per circa tre mesi, per divenire più blando o quasi assente in quelli successivi. Un'ecografia effettuata dopo il primo mese dal trauma non ha rivelato nulla di strano o rilevante.Mi sono rivolto prima al medico di base e poi ad un fisiatra, ed essi hanno parlato di "sindrome adduttoria", prescrivendomi unicamente la pratica dello stretching come rimedio.Dopo un totale di dodici mesi di sospensione di ogni forma di allenamento per la parte inferiore del corpo ( tranne gli allungamenti suddetti) posso dire di sentirmi molto meglio e, in pratica , tutte le posture che precedentemente mi davano fastidio non rappresentano più alcun problema. Tutti i canonici test per la pubalgia/ sindrome adduttoria sono stati superati.C'è tuttavia un grosso "ma"; infatti provo una sensazione di forte, fortissima tensione muscolare se accavallo le gambe (ponendo quella affetta dalla sindrome sopra l'altra) e contracco volontariamente l'adduttore. E' il segno che qualcosa ancora non va oppure, data la posizione in cui avviene la contrazione, può trattarsi di una reazione possibile?

Risposta del medico
Specialista in Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) e Medicina dello sport

La diagnosi "sindrome adduttoria“ descrive questa patologia dal punto di vista ortopedico. Può anche persistere per tanto tempo e si tratta con stretching ed antiinfiammatori. Dal punto di vista osteopatico invece consideriamo le fasce muscolari e le loro distorsioni elemento preponderante nel contesto: muscolo – articolazione – libertà e forza di movimento. Sono queste fasce, che una volta lese, possono mantenere una distorsione del loro percorso per tanto tempo. Non rispondono sufficientemente alle terapie riferite al muscolo. Il trattamento secondo il “modello di distorsione delle fasce” spesso elimina problemi del genere anche dopo anni di patimento con poche sedute. (http://www.chiropratico-firenze.it/chiropratica/altri-trattamenti-ortopedici/64-dolore.html - http://www.youtube.com/watch?feature=endscreen&NR=1&v=oLroDuvp9ic )

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Stress e demotivazione a lavoro
Stress e demotivazione a lavoro
1 minuto
Trattamento del dolore con l’ossigeno-ozonoterapia
Trattamento del dolore con l’ossigeno-ozonoterapia
1 minuto
Curare la sindrome post Covid con l’ossigeno-ozonoterapia
Curare la sindrome post Covid con l’ossigeno-ozonoterapia
1 minuto
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina dello sport
Brescia (BS)
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio e Medicina dello sport
Monti (OT)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina dello sport
Cimego (TN)
Specialista in Medicina dello sport
Alba (CN)
Specialista in Medicina dello sport e Anestesia e rianimazione
Livorno (LI)
Specialista in Neurologia e Medicina dello sport
Montesano sulla Marcellana (SA)
Specialista in Pneumologia e Medicina dello sport
Messina (ME)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina dello sport
Prov. di Salerno
Specialista in Cardiologia e Medicina dello sport
Diamante (CS)
Specialista in Ortopedia e traumatologia e Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...)
Borgomanero (NO)