Depositi di sali di calcio, che se riscontrati nelle ghiandole mammarie, possono essere espressione di processi involutivi (ectasie duttali), di patologie proliferative benigne (adenosi, iperplasie atipiche) o maligne (carcinoma).Sono visibili con la mammografia.