Con immunosoppressione si identifica la terapia finalizzata a scongiurare rischi di rigetto in seguito a trapianti di tessuto o di organi. Generalmente la terapia farmacologica utilizzata è a base di siero linfocitario, immunosoprressori specifici, steroidi, anticorpi monoclinali ed aziatioprina.