Alterata colorazione della cute e delle mucose, espressione di una iperbilirubinemia, con conseguente deposito di pigmento biliare nelle strutture coinvolte. Si rende visibile quando la bilirubinemia supera i 2.5 mg/dl.