Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Lupus

Normalmente, il sistema immunitario del corpo produce delle proteine chiamate anticorpi, che hanno il compito di difenderlo dalle malattie. Gli anticorpi si attaccano ai batteri e ai virus pericolosi, chiamati antigeni, che possono causare malattie. Il lupus è una malattia autoimmune cronica, in cui il sistema immunitario è alterato e aggredisce le cellule e i tessuti sani del corpo, senza la presenza di antigeni. Quando questo si verifica, gli anticorpi sono chiamati autoanticorpi. Il risultato è un'infiammazione o una lesione alle cellule e ai tessuti che possono provocare i sintomi del lupus. Ci sono differenti tipi di lupus. Il lupus discoide è in genere limitato alla pelle; i sintomi includono un rossore cutaneo che si manifesta sotto forma di macchie rosse sul volto, sul cuoio capelluto, sul torace o sulle estremità. In genere, il lupus discoide non interessa gli organi interni del corpo, ma le reazioni cutanee possono essere accompagnate da dolori alle articolazioni. Il lupus eritematoso sistemico può colpire qualsiasi organo o apparato e molto spesso si manifesta con infiammazione alle articolazioni, ai tendini, o ad altri tipi di tessuto connettivo. I sintomi possono variare fra febbre, stanchezza, perdita di peso, dolore ai muscoli e alle articolazioni, ghiandole ingrossate, perdita di capelli, nausea e vomito; a causa della varietà dei sintomi, spesso il lupus eritematoso può essere confuso con altre malattie. Il sintomo più caratteristico del disturbo è la comparsa di una macchia a forma di farfalla sulle guance e alla base del naso. I sintomi possono avere un andamento ricorrente anche per molti anni. Le cause del lupus sono sconosciute, anche se gli esperti ritengono che possano essere coinvolti fattori ereditari e cause ambientali. La malattia è più frequente tra le donne che hanno un'età compresa tra i 20 e i 30 anni. Le cause del lupus sono sconosciute, anche se gli esperti ritengono che possano essere coinvolti fattori ereditari e cause ambientali. La malattia è più frequente tra le donne che hanno un'età compresa tra i 20 e i 30 anni.