La sindrome si manifesta in occasione di viaggi aerei intercontinentali per effetto dei diversi fusi orari, in seguito ai quali l'organismo è costretto a sincronizzare velocemente il proprio “orario fisiologico” a quello del paese di arrivo.