Scegliere un partner: quali sono le caratteristiche giuste?

scegliere un partner quali sono le caratteristiche giuste
MFL MFL

Il comportamento di un essere umano può influenzare in modo positivo o negativo la percezione che gli altri individui hanno di lui. E in tal senso essere allegri e simpatici aiuterebbe a trovare il partner giusto.

Il suggerimento di sorridere di più e prendersi meno sul serio, anche per aumentare le proprie capacità seduttive, arriva da tre ricercatori della Penn University afferenti all’US Department of Recreation, Park and Tourism Managemen: Garry Chick, Careen Yarnale ed Andrew Purrington, che hanno pubblicato sull’American Journal of Play, i risultati di un esperimento in proposito.

Tutto è partito da uno studio precedente grazie al quale gli scienziati avevano stilato un elenco di 13 caratteristiche che gli esseri umani ricercano in un potenziale partner. Il nuovo studio ha portato l’elenco a 16 caratteristiche e le tre new entry sono: senso dell’umorismo, predisposizione al divertimento e giocosità.

Lo studio ha coinvolto 253 persone (164 uomini e 89 donne) di età compresa tra i 18 e i 26 anni e ha mostrato che gli uomini cercano in una donna soprattutto salute, fertilità e attrazione fisica, pur senza disprezzare umorismo e allegria; al contrario le donne hanno messo in cima alle caratteristiche importanti di un potenziale partner proprio il senso dell’umorismo, l’amore per il divertimento e la giocosità.

Questi nuovi risultati, seppur non assoluti e da leggere, appunto, con 'umorismo' mostrano che la giocosità di un individuo adulto può essere un tratto importante per la scelta di un partner.

Garry Chick chiarisce subito che indicare il senso dell’umorismo e la giocosità come caratteristiche importanti non vuol dire che poi si scarti un partner affascinante che non ha questi tratti, ma certamente è un’informazione interessante per gli studiosi.

“Un uomo giocoso e dotato di ironia e senso dell’umorismo può segnalare alle donne che non è aggressivo e che quindi non sia pericoloso né per la partner né per i figli; d’altro canto la giocosità e l’allegria in una donna possono essere indicatori di giovinezza e fertilità”, precisa lo studioso americano.

E in generale la giocosità in un essere umano adulto può essere un segnale della presenza anche di altre qualità, e alla fine può influire sulla scelta di un compagno a lungo termine.

Il punto di vista
Psicologia e Psicoterapia

La Teoria dell'Attaccamento sottolinea il ruolo centrale delle relazioni nello sviluppo dell'essere umano. Tutti noi abbiamo una predisposizione innata a formare un legame di attaccamento con le figure genitoriali e lo stile relazionale che un bambino svilupperà dipende in grande parte dalle modalità con cui tale legame si struttura.

Gli stili di attaccamento organizzato sono: sicuro, ansioso-evitante e ansioso-ambivalente. Secondo John Bowlby, padre della Teoria, l'attaccamento è parte integrante del comportamento umano “dalla culla alla tomba”.

I modelli relazionali, Modelli Operativi Interni (MOI), formatisi durante l'infanzia rimangono infatti relativamente stabili durante lo sviluppo; vengono nel corso della vita spostati dalle figure genitoriali nell’infanzia ai coetanei durante l’adolescenza, per poi trovare nuova espressione in una relazione affettiva sentimentale durante l’età adulta.

La scelta del partner ed il tipo di relazione che si instaura risultano fortemente influenzati dal proprio stile di attaccamento; pertanto l’allegria, la giocosità o qualsiasi altra caratteristica avranno un ruolo rilevante nella misura in cui si inseriscono tra gli elementi fondamentali dei nostri Modelli Operativi Interni.

06/06/2015
24/10/2012
TAG: Psicologia | Salute mentale