Salute e innovazione tecnologica: il binomio per le imprese vincenti nell’era digitale

salute e innovazione tecnologica il binomio per le imprese vincenti nell era digitale
Marina Peluso
Scritto da:
Marina Peluso
Esperta in Digital Health

Grazie a Digital Magics e Healthware International arriva in Italia un programma di accelerazione dedicato alle startup del settore health.



Si chiama Digital Magics HealthTech il nuovo programma di incubazione dedicato alle startup digitali del settore salute. Un progetto che vuole dare una forte spinta ad un settore in piena espansione e dalle forti potenzialità di business. Il nuovo incubatore d’impresa nasce dalla collaborazione tra Digital Magics, business incubator quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), e Healthware International, multinazionale nella consulenza e strategia di comunicazione sulla salute. Una partnership in grado di integrare l’esperienza nel settore delle startup innovative e le competenze nella trasformazione digitale in un percorso di incubazione e accelerazione integrato: dallo sviluppo del prodotto o servizio alla strutturazione del modello di business, dal primo finanziamento seed al lancio sul mercato, dal supporto di management per il mercato italiano all’internazionalizzazione.
 

Cresce l’utilizzo di servizi sanitari online

Il lancio del progetto avviene pochi giorni prima dell’uscita del Report 2016 sulla sanità digitale, presentato oggi all’Istituto Mario Negri di Milano. Secondo la ricerca, promossa dalla School of Management del Politecnico di Milano, dal titolo Sanità digitale: non più miraggio, non ancora realtà, in Italia l’utilizzo di servizi sanitari online è in forte aumento, come anche gli investimenti per la digitalizzazione della sanità.
Secondo quanto rilevato dalla ricerca, tra i cittadini italiani si registra un boom nell’utilizzo di servizi sanitari online, in particolare nella popolazione di età compresa tra i 35 e i 54 anni. Il servizio online più utilizzato è l’accesso alle informazioni sulle strutture sanitarie come reparti, orari, medici. Al primo posto si trova la prenotazione online di esami e visite, utilizzata dal 24% dei cittadini, con un aumento dell’85% rispetto al 2015. I servizi per l'accesso e la consultazione dei documenti clinici e il pagamento delle prestazioni sanitarie sono utilizzati rispettivamente dal 15% e dal 14% dei pazienti (+88% e +180% rispetto a quanto rilevato nel 2015).
 

App e non solo: i trend della salute digitale

Secondo il rapporto Assobiomedica di Giugno 2015 in Italia ci sono 291 startup nel settore medico: il 48% ha origine come spinoff della ricerca pubblica, il 34% è incubato all’interno di programmi di accelerazione. Il 29% delle startup digital health è nato da meno di 48 mesi, con un’età media di poco superiore ai 5 anni. Il maggior numero di startup è attivo nel comparto della diagnostica in vitro (26%), seguito dal biomedicale strumentale (21%) e dai servizi e software (20%). Secondo Paolo Locatelli, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Digitale in Sanità, emerge una necessità sempre maggiore di avvicinamento dei cittadini ai servizi digitali per interagire con le strutture sanitarie e con i medici, con benefici rilevanti in termini di costi e qualità del servizio: “serve una sanità multi-canale che consenta di migliorare e rendere più efficiente il sistema consentendo ai cittadini di accedere a informazioni e servizi sia attraverso siti web e App, sia attraverso sportelli self-service nelle strutture sanitarie, nelle farmacie e nei supermercati”. 
 
Leggi anche:
La ricerca della salute è nata con l’uomo, la salute da sempre il nostro bene più prezioso, un bisogno imprescindibile che genera benessere e quindi felicità.
 

Un ecosistema di servizi digitali

Insomma, momento più propizio non ci poteva essere per avviare un progetto che ha lo scopo di sviluppare programmi di Open Innovation, generando valore aggiunto e creando innovazione interna grazie all’interazione con l’ecosistema delle startup digitali, con l’obiettivo di contenere i costi e migliorare i servizi all’interno degli operatori industriali e delle strutture ospedaliere. Digital Magics HealthTech, infatti, si rivolge anche a sanità pubblica, case farmaceutiche, aziende sanitarie e imprese italiane che operano nel consumer health, wellness e medical device. Roberto Ascione, CEO Healthware, sarà il responsabile di Digital Magics HealthTech e coordinerà i Partner dell’incubatore e della società di consulenza, che valuteranno insieme le idee e i progetti italiani.

 

 
 
10/05/2016
04/05/2016
Marina Peluso
Scritto da:
Marina Peluso
Esperta in Digital Health