A mio padre, di 73 anni, affetto da cardiomiopatia dilatativa, è stato impiantato ieri un pacemaker con defibrillatore. Doveva essere un pacemaker bicamerale, ma purtroppo, dopo un intervento di circa 6 ore, il medico no è riuscito a inserire il terzo catetere, che doveva essere inserito nel ventricolo sinistro. Pare infatti che la parte sinistra... Leggi di più del cuore sia poco ricettiva: i medici l'hanno definita la parte "infartuata", benché mio padre non abbia mai avuto infarti; ma è come se l'avesse avuto. Il ventricolo sinistro, infatti, è quello che pompa meno.L'impianto del pacemaker mono (e non bi-) camerale, così come quello del defibrillatore, è riuscito.Vorrei sapere se gli darà dei vantaggi, se migliorerà la sua aspettativa di vita. Spero che gli elementi che ho fornito siano sufficienti.Grazie