Buonasera dottori, sono un uomo di 33 anni, da tempo ho un senso di malessere generalizzato con ipoestesie migranti su tutto il lato destro e sinistro, cefalee e ho avuto anche episodi di disfagia e incontinenza urinaria. Spesso i vari specialisti che ho contattato hanno detto che il mio era un disturbo ansioso. Tuttavia dopo un 'elettromiografia, che ha dato come esito: lieve sofferenza cronica in L4 L5 e c8 t1; il neurologo ha deciso di approfondire con una rm cervicale e lombare. Vorrei qualche chiarimento sul significato dei termini: Rachide cervicale: conservato l'allineamento metamerico posteriore. Ernia mediana e paramediana dx del disco c6 c7. Regolari i restanti spazi intersomatici. Conservata l ampiezza del canale vertebrale. Regolare segnale del midollo spinale. Non espansii intradurali. Non lesioni ossee focali. Rachide lombare: conservato l'allineamento metamerico posteriore. Regolare il segnale dei dischi intersomatici. Non immagini da fiferire a ernie discali. Minimo incremento del liquido articolare in corrispondenza dell' interapofisiarie ad l3-l4 ed l4-l5 a destra per alterazioni flogistico-degenerative. Regolare l"ampiezza del canale vertebrale. Non espansi intradurali. Non lesioni ossee focali sostitutive. Mi hanno dato di tutto: vapinax, farmaci epatoprotettori, farmaci per la gastrite e benzodiazepine. Risultato: ho ancora i fastidi al braccio e alle gambe sopratutto in ore notturne. Chiaramente ho perso il lavoro perche' oltre al dolore articolare si e' aggiunto l'effetto delle benzodiazepine. Vorrei qualche indicazione se quello che ho è realmente un disturbo d'ansia o realmente il mio puo essere un disturbo fisico tra l'altro non curato adeguatamente? Cordialita' e Grazie anticipatamente