Buongiorno dottore, Le espongo in breve il mio problema.Sono una ragazza di 25 anni e all'età di 14/15 anni ho iniziato a soffrire, occasionalmente, di un dolore improvviso e trafittivo a livello dello sterno, più verso la sinistra. In quel periodo attraversavo un periodo non molto facile, ero piuttosto stressata e più aumentava lo stress, maggiore era il numero di episodi e la durata. Sono arrivata ad averne anche 3 o 4 al giorno. Arrivavano all'improvviso, sempre mentre ero a riposo (in genere tra l'ora di pranzo e la sera, quando magari stavo seduta sul divano). Il dolore era talmente forte che quando arrivava non mi muovevo neppure di un millimetro, non respiravo neppure perché avevo l'impressione che il dolore peggiorasse e durasse di più. La durata andava dai 30 secondi ai 3-4 minuti.Poi, con il passare del tempo, fortunatamente lo stress si è alleviato e gli episodi sono scomparsi quasi del tutto.Ad oggi ne ho davvero pochi (anche se in caso di stress tendono a ripresentarsi) ma mi è sempre rimasto un dubbio: È solamente un sintomo da stress/ansia o magari angina pectoris?So che l'angina peggiora in caso di emozioni forti e che chi ne soffre è maggiormente a rischio di infarto. So anche che eventualmente ci sono delle terapie che si possono intraprendere. Ovviamente nel caso fossi a rischio di infarto mi piacerebbe saperlo in modo da poter fare qualcosa in proposito e tenere più sotto controllo la situazione, quindi mi chiedevo se e come si potesse diagnosticare l'angina, proprio a livello di indagini strumentali e non solo di diagnosi clinica. Grazie