Ernioplastica: come si è evoluta negli anni

Ernioplastica: come si è evoluta negli anni

L'ernioplastica è diventata un'operazione routinaria e molto semplice. Oggi non sono più necessari ricoveri e anestesie totali.

Che sia provocata da una predisposizione genetica o da uno sforzo eccessivo l’ernia è imprevedibile ed è un vero dilemma per gli italiani: basti pensare che quella inguinale è il secondo tipo di intervento per numero di casi all’anno. Rigonfiamenti, tumefazioni, dolore e difficoltà, l’Ernia è un problema da non sottovalutare e che va affrontato, attualmente, con un intervento chirurgico in quanto è piuttosto difficile che regredisca spontaneamente. 

Il primo a mettere a punto la tecnica di ernioplastica che permetteva di ‘guarire’ dal fastidio fu Edoardo Bassini.

La tecnica consisteva nel ‘legare’ il muscolo della parete addominale con il legamento inguinale; l’intervento necessitava dell’Anestesia totale e di una lunga convalescenza che lasciava come ricordo un’incisione di oltre 10 cm ed era caratterizzato da un rischio piuttosto alto di recidive (10/15%).

Ma ne sono passati di anni e le tecniche chirurgiche sono nettamente migliorate e andate avanti. Se prima era necessario un ricovero e l’anestesia totale, oltre che una lunga convalescenza, l’entrata nel nuovo millennio ha decisamente cambiato il modo di affrontare il problema.

Oggi sono sempre più diffuse le tecniche ‘tension free’, ovvero operazioni che prevedono l’utilizzo di una rete biocompatibile che chiude la zona interessata senza nessuna tensione nelle suture e con una percentuale di recidive scesa all1-2%. Il paziente, insomma, con un Day hospital e un’anestesia locale può liberarsi dell’ernia senza grandi fastidi.

Ed il giorno dopo? Si torna alla vita quotidiana: è infatti possibile svolgere qualsiasi tipo di attività – ovviamente evitando sforzi inutili – ed avere la garanzia dell’assistenza a distanza dei propri medici. I vantaggi della medicina moderna e gli sviluppi relativi alle tecniche mediche permettono, quindi, a numerosi pazienti tornare in breve tempo alle normali abitudini della propria vita quotidiana.

Commento del medico
Specialista in Chirurgia dell'apparato digerente

Gli interventi a livello inguinale sono i più diffusi. Oggi si eseguono in day hospital e con un'anestesia locale.

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Chirurgia generale
Brescia (BS)
Specialista in Chirurgia generale e Chirurgia dell'apparato digerente
Siracusa (SR)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Chirurgia plastica‚ ricostruttiva ed estetica e Chirurgia generale
Roma (RM)
Specialista in Chirurgia generale e Colonproctologia
Nola (NA)
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Specialista in Medicina generale e Chirurgia generale
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Chirurgia generale
Prato (PO)
Specialista in Chirurgia generale
Civitavecchia (RM)
Specialista in Chirurgia toracica e Chirurgia generale
Castelfranco di Sotto (PI)