Buonasera, mio padre, 74 anni, non fumatore, sempre stato in ottima salute, ha avuto nel mese di febbraio una setticemia da Stafilocco Aureus con flemmone altero cervicale chirurgicamente drenato.Dopo 10 giorni di antibiotico e ricovero è stato dimesso. La tac con MDS che ha fatto dopo una settimana dalle dimissioni riporta: "studio volumetrico paziente con note raccolte cervice-toraciche da stafilococco aureus. Risoluzione subtotale delle aree di raccolta; minima disomogeneità tessutale e retrosternale e pettorale in assenza di definite raccolte residue. Regolare pervietà dei principali vettori vascolari del collo.in ambito toracico completa risoluzione della falda pleurica. AREA PSEUDONODULARE SOVRA FRENICA SINISTRA DI 25 MM DI DIAMETRO MASSIMO.Regolare pervietà del sistema bronchiale. Non significative adenopatie mediastiniche. L'immunologo che ha curato mio padre sostiene, anche visionando le immagini, che l'area pseudonodulatre sia dovuta ad un esito cicatriziale dell'infezione avuta ed ha tranquillizzato mio padre. Pur consapevole dei limiti di un parere a distanza e non pretendendo una diagnosi, volevo chiederVi se è condivisibile l'opinione dell'immunologo o se sia il caso di fare visite ed indagini più approfondite. Grazie per l'attenzione. Distinti saluti