22-03-2018

Assenza anticorpi Morbillo

Gent.Li Specialisti,

durante il primo controllo sanitario effettuato nel gennaio 2017 ( che effettuo ogni anno poiché lavoro in ospedale) scopro di non avere titolo anticorpale protettivo contro Morbillo, Rosolia e Parotite. Da ulteriori indagini e dal reperimento del libretto vaccinale, emerge che sono stato vaccinato con la sola prima dose di MPR ( nel 1997, io sono nato nel 1995) ma non ho effettuato il richiamo dello stesso; così decido di effettuare tale richiamo nel Marzo del 2017 .

Ora, nel gennaio 2018 ho effettuato nuovamente le stesse analisi di controllo dove è emerso che: ho sviluppato un titolo anticorpale protettivo sia per la Rosolia che per la Parotite ma ho valori sotto soglia sia di positività che borderline per il Morbillo ( nello specifico, la soglia di 150 per le IgG e 0 per le IgM). Il medico del controllo sanitario si è mostrato sorpreso di questo poiché afferma di " non avere mai visto un soggetto che non risponde al Morbillo" e mi ha invitato a provare a fare un ulteriore dose. Questa però, presso il centro vaccinale, mi è stata sconsigliata ( almeno nell'immediato) poiché il titolo della Parotite è troppo alto ( il valore delle IgG per considerarsi positivo è 200, il mio titolo è 4800) e lo stesso dicasi della Rosolia, per evitare una reazione da iper-stimolazione.

Vorrei chiedere quindi un parere su quale possa essere il percorso più idoneo, ma sopratutto il perchè di questa mancata risposta anticorpale. Voglio inoltre ricordare un episodio particolare, poiché nell'Aprile del 2017 (quindi un mese dopo aver effettuato il richiamo) sono stato a contatto per lavoro con un soggetto affetto da morbillo (eravamo nella stessa stanza, ho io stesso ravvisato le macchie di Koplik quando questo si è tolto la mascherina) però non ho contratto alcunché. +

Vi ringrazio.

Risposta di:
Dr. Pietro Di GregorioDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Risposta

Purtroppo il vaccino isolato anti morbillo non è in commercio. Le conviene differire la triplice vaccinazione.

TAG: Adulti | Farmacologia | Giovani | Infezioni | Malattie infettive | Prevenzione | Vaccinazioni