23-04-2018

Morbillo e vaccinazione

Salve,

mio fratello di 32 anni è stato ricoverato in ospedale Lunedi 9 Aprile, dopo 3 giorni di febbre alta. Essendo un paziente neutropenico è stato ricoverato nel reparto di ematologia. Dopo diverse visite ed esami, solo lunedi della settimana seguente hanno scoperto che aveva contratto il morbillo. Io ho avuto contatti con lui solo dal Sabato 14, vivendo fuori sono tornato per fargli visita e stare vicino alla famiglia.

Martedi 17 ho effettuato il test sierologico per la ricerca di anticorpi per il morbillo e ieri ho avuto i risultati: IgG esito 0,02 (negativo fino a 0,50; dubbio da 0,50 a 0,70; positivo da 0,70 in poi) IgM esito 0,10 (negativo fino a 0,90; dubbio da 0,91 a 1,10; positivo da 1,11 in poi) Mi sembra di capire che non ho mai contratto il morbillo ma quel valore di IgM cosa vuol dire? La leggera produzione vuol dire che il virus è in corso? Ad oggi sto bene se non un leggero fastidio agli occhi ogni tanto.

Devo ripetere il test, e se si quando è il caso di effettuarlo? A detta di mia madre da piccolo ho avuto la rosolia, posso anche fare il vaccino o in questo momento è troppo tardi non escludendo un possibile contagio del morbillo? Vi chiedo scusa ma sono un pò preoccupato al momento. Vi ringrazio in anticipo. Cordiali Saluti Dario

Risposta di:
Dr. Pietro Di GregorioDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Malattie infettive
Risposta

Non ha contratto in passato il morbillo; se lo ritiene, d'accordo col curante, può praticare il vaccino.

TAG: Adulti | Bambini | Ematologia | Esami | Infezioni | Malattie infantili | Malattie infettive | Microbiologia e virologia | Pediatria | Prevenzione | Vaccinazioni | Virus