Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

04-10-2006

Assunzione di farmaci

Buongiorno, avrei bisogno di una informazione: lo scorso dicembre sono stata ricoverata in ospedale a seguito di violenta colica biliare che si è rivatata una pancreatite acuta severa con valore di amilasi a 3200 (anzichè 100 valore normale); siccome non bevo e non sono neppure in sovrappeso, non prendo la pillola, insomma ho una vita regolare, e siccome la colecisti a seguito di tac è risultata piegata ed attorcigliata probabilmente è scaturita a seguito della gravidanza precedente (ho una bimba di 4 anni nata un pò grande 3.8 kg.). Tutta questa lunghissima premessa per sapere visto che problemi non ne no, medicinali non ne prendo, per sapere se potevo pensare ad una seconda gravidanza. Ho fatto a febbraio analisi del sangue prima e dopo l'intervento di colecistectomia e risultavano regolari tutti i valori. Il mio dubbio è dovuto al fatto che per curare la pancreatite mi hanno letteralmente bombardata di medicinali, antibotici, aniinfiammatori per il pancreas e enzimi digestivi i primi tempi che ho ricominciato a mangiare e quindi il mio timore è che magari il mio organismo li debba ancora smaltire del tutto, e che ciò eventualmente possa determinare danni al feto eventualmente. Ora è da fine febbraio che non prendo alcun medicinale e non ho problemi.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
E’ possibile, a nostro avviso, ipotizzare una altra gravidanza a distanza di almeno 6 mesi dall’assunzione dei farmaci. Pertanto tale periodo sembra essere stato da lei superato, escludendo, in tal modo problemi particolari.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!