Buongiorno, gentile dottore, sono un uomo di 46 anni, peso 70 chili circa, sono alto 173 cm, sportivo da sempre, no fumo, no alcool. Assumo Atenololo 50 mg una compressa prima di cena al giorno, X circa due anni e mezzo, X controllo pressione e tachicardia dovuta a sospetta pre-eccitazione ventricolare tipo Kent. Mentre assumevo Atenololo, i... Leggi di più battiti a riposo la sera si attestavano intorno ai 50, a volte poco più, a volte poco meno.Sono stato seguito da un aritmologo il quale mi ha consigliato, per scoprire se veramente ci fosse pre-ecitazione ventricolare, di eseguire esame elettrofisiologico ed holter X extrasistole. La prima cosa che mi ha fatto fare, è sospendere, gradatamente, Atenololo. Da quel momento i battiti a riposo sono passati a 65-70, qualche volta anche più.L'esame elettrofisiologico non ha rilevato nessuna via alternativa, quindi è andato bene, come holter, da cui è venuto fuori che, durante la giornata, ho delle tachicardie sinusali inappropriate sintomatiche, che sono innocue, ma fastidiose. per questo motivo, il medico mi ha consigliato di ricominciare ad assumere Atenololo. Ormai sono quattro giorni, che ho ripreso ad assumere Atenolo 50 mg, però la mattina a colazione. Però i battiti a riposo sono sempre 65-70. È normale, perché non si abbassano. Mi devo preoccupare? Mi danno molto fastidio, essendo io un soggetto abituato ai battiti più lenti, infatti, prima di iniziare ad assumere, due anni e mezzo fa circa, Atenololo, i battiti erano intorno ai 60. Grazie.