Bongiorno, sono un uomo di 47 anni, alto 188 cm x 97 kg di peso. Premetto che faccio attività fisica regolare da 11 anni, ho dovuto lasciare la palestra da oltre un anno per problemi alla schiena e questo mi ha fatto perdere molta massa magra e nel contempo guadagnare 5 kg di peso, ma faccio ancora ciclismo e piscina. Naturalmente una volta... Leggi di più all'anno faccio un controllo completo del cuore in un centro medico sportivo della mia zona e tutto rientra nella norma. Nel fine settimana ho fatto i miei consueti allenamenti in bici e non ho avuto problemi. Dal giorno dopo, (ieri, lunedì) ho iniziato a sentire dolori vari al petto, bocca dello stomaco, al braccio sinistro con anche qualche formicolio. Dolori alla shiena sotto le scapole ed affanno (ma sono suggestionabile). Questi problemi li sento in maniera continuativa e mi disturbano anche il sonno e mi capita di svegliarmi di soprassalto. In passato mi è capitato altre volte qualcosa del genere e sono sempre andato al pronto soccorso ma il tutto si risolveva (per fortuna) con un nulla di fatto. Anche oggi (martedì) sono in ufficio ma fatico a lavorare per questi dolori già descritti. Non mi va di andare per l'ennesima volta al p.socc. ma non sono affatto tranquillo. La mia domanda è la seguente: è possibile che lo sforzo maggiore del solito fatto nel w/e mi abbia causato questi disturbi? Come mai durante l'atto fisico non ho riscontrato il minimo problema e poi durante la notte ed i due giorni seguenti sentire così tanti disturbi? Grazie per l'attenzione.