Buon giorno sono adriana,è dal 2003 che ho sincope con perdita di coscienza dai controlli holter ogni 6 mesi circa risultano blocchi atrio ventricolari di primo e secondo grado. (notturni)Ora la mia diagnosi è sincope neurocardiogene di tipo vaso vagale a prevalente componente vaso depressivo. Quattro settimane fa ho fatto una prova da sforzo perchè nell'ultimo periodo avvertivo una facile stancabilità e quindi mi hanno sottoposto a questo tipo di esame , i risultati:incremento pressorico 180/80 con dispnea e astenia (terapia farmacologica TENORMIN) in fam. ce un caso di sindrome di brugada dove gli è stato impiantato un deflibbrillatore,e ci sono dei forti sospetti su altri due fratelli di mia madre. mio zio ha iniziato alla mia stessa età con sincope. vi chiedo se è sufficiente il test alla fleicainide o ci sono altri mezzi altre strade per arrivare alla diagnosi? Ora ho questa diagnosi... che non riesco ad accettare dove mi evitano scale , macchina, sport,.... e tutto ciò che mi fa affaticare.Sono un'artigiana ho un negozio, fotografa,faccio teatro,e faccio la moglie ma sopratutto la mamma di due bambini.Non ho mai fumato, mai preso cafè, alcol brindisi fine anno perchè non bevo vino. Vi ringrazio per la cortese attenzione Adriana 73