Buonasera, credo che il mio compagno soffra di fimosi non serrata anche se lui non vuole ammetterlo. Non credo sia grave poichè riesce a scoprire il glande a pene eretto ma quanto è alla massima erezione la pelle appena sotto al glande comporta quasi uno strangolamento dello stesso.In più lui dice che il suo glande è molto sensibile e quindi... Leggi di più durante il rapporto non riusciamo a cambiare posizione facilmente poiché dopo la prima penetrazione (quando il glande si scopre), appena fuoriesce il primo contatto con l'aria gli provoca bruciore e quindi è costretto a fermarsi per tirarsi su la pelle e ricoprirlo. Tutto questo io non credo sia normale poiché così facendo lui interrompe sempre il nostro rapporto e ogni volta bisogna ricominciare da capo poichè si ammoscia subito.1) problema: lui non vuole ammetterlo e dice che è tutto normalissimo. Dice di essersi già fatto visitare in precedenza ma sono convinta che non sia assolutamente vero. Gli ho proposto con molta dolcezza di accompagnarlo ad una visita, senza giudicarlo, spiegandogli che magari il suo problema si sarebbe potuto risolvere anche con una crema, non lo so, ma non c'è stato verso di convincerlo poiché per lui è tutto normale, sia il semi-strangolamento, sia la iper-sensibilità. Stiamo insieme da 7 anni, abbiamo molta confidenza, anche se per lui certi discorsi restano sempre un tabù. Ha 34 anni.2) problema: lui non ha mai desiderio sessuale e non capisco se questo sia legato al suo piccolo "problema", oppure se potrebbe essere un problema ormonale. Da quando lo conobbi è sempre stato così, non è cambiato negli anni, però crescendo le esigenze cambiano e non è normale non riuscire ad avere la complicità di due persone che stanno insieme da 7 anni. Non è normale che lui non abbia mai voglia di fare l'amore e non abbia desiderio alla sua età. E' possibile che abbia un problema ormonale? Premetto che non ha problemi particolari che lo stressano seriamente, ha un buon lavoro ed è soddisfatto di quello che fa.3) problema: come ci si comporta in questi casi? Da un lato lui non vuole affrontare il problema e continua a dire che è tutto normalissimo (anche se credo che se fosse tutto normale non avrebbe problemi a venire ad una visita con me), continua a dire che la sua iper-sensibilità è normale e continua a dire che non è vero che non ha desiderio sessuale (anche se in realtà è così, perché trova sempre scuse su scuse: mal di testa, stanchezza, sveglia presto la mattina seguente, impegni, lavoro, mal di schiena, casa impegnata, ecc ecc.. ogni scusa è buona!); dall'altra parte ci sono io che gli parlo delle stesse cose da anni oramai in tutte le lingue, facendogli capire che potrebbe trarne beneficio oltre che lui anche il nostro rapporto. Ma non ne vuole sapere. Immagino che il suo orgoglio maschile gli rifiuti di ammetterlo ma non si può più andare avanti così. Cosa dovrei consigliargli per l'ennesima volta?Come dovrei affrontare il problema con lui? Aiutatemi voi.Grazie in anticipo!