26-03-2008

Buongiorno, ho 29 anni e una sospetta sindrome di

Buongiorno, ho 29 anni e una sospetta sindrome di brugada (elettrocardiogramma evidenzia l'aritimia tipica di brugada), familiarità negativa, nessuno svenimento precendente, esame elettroficiologico negativo, polmoni radiografia ok e visita cuore ok. Mi hanno detto di stare tranquillo perchè il rischio di arresto cardiaco c'è ma è minimo. Premetto che non sono particolarmente ansioso nel senso che non mi faccio spaventare da fitte intercostali o dolori di tipo minimo, ma ho sempre avuto un dubbio che i medici non riescono a chiarirmi anche perchè faccio fatica a spiegarlo... A volte (circa 2 o 3 volte all'anno) mi capita per alcuni giorni di avere una sensazione di pressione non costante al centro del petto (interno) che si manifesta principalmente alla fine di un lungo respiro (cioè a polmoni gonfi). La mia preoccupazione nasce dal fatto che durante lo studio elettrofisiologico sentivo un fastidio "simile" ma molto molto più forte. Potrebbe essere in qualche modo legato al mio problema di aritmia? Una piccola congestione può lasciare fastidi come quelli descritti anche i 10 giorni successivi? La ringrazio molto.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La Sindrome di Brugada viene diagnosticata sulla base del quadro elettrocardiografico tipico, quindi, il primo passo è quello di stabilire con certezza se si tratta o no di Sindrome di Brugada, nel qual caso, sebbene il quadro da te descritto è quello di una Sd di Brugada a basso rischio, è necessario rimanere sotto stretto controllo aritmologico e riferire al proprio aritmologo di fiducia qualsiasi sintomo.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!