Buongiorno, in primis Vi faccio i complimenti per la rubrica poiché è di grande aiuto per chi come qualcuno di noi vive un momento di grande difficoltà. Io sono molto provata da questa esperienza, e non nego che ho passato e sto passando due anni di inferno, bombardata da notizie e considerazioni su un argomento che solo a nominarlo mi fa stare... Leggi di più male. Veniamo al dunque, scusandomi a priori se userò terminologie non del tutto corrette. A marzo 2004 dopo un’analisi di controllo a seguito di positività a epatite B di mio fratello è emerso che anche io sono positiva all’epatite B (HbsAg positivo antigene HbsAc e antigeneHbsE positivo). Tutti i valori del Sangue sono nella norma comprese le aminotransferasi, solo la bilirubina è leggermente fuori tolleranza (non ricordo il valore ma di qualche decimo). Subito dopo consigliata dal medico effettuo anche analisi del HBV DNA con metodo Hybrid Capture il cui esito è negativo. Il medico quindi mi rassicura consigliandomi di ripetere questi controlli una volta l’anno. Nel frattempo scopriamo che anche mia madre è positiva all’epatite B con valori di transferasi a 50-70 (leggermente sopra la norma) e HBV DNA >200.000 copie per ml. Ripeto i test del sangue a febbraio 2005 con gli stessi risultati dell’anno precedente, la brutta sorpresa è però l’altro ieri quando ritiro l’esito dell’HBV DNA che stavolta, effettuato con metodo PCR, riporta 4020 copie per ml. Le mie domande sono le seguenti: 1) Cosa comporta l’esito di quest’ultimo test? Il valore di 4020 è preoccupante? Il fatto che sia stato fatto con due metodologie diverse può portare a risultati diversi? 2) A luglio con mio marito, che nel frattempo si è vaccinato con esito positivo, avevamo intenzione di avere un figlio. Quale tipo di problemi ci sono per un eventuale gravidanza? Posso avere un figlio? Vi ringrazio anticipatamente per una risposta, credetemi la paura soprattutto di non poter avere figli è tanta.