In primis mi preme per la seconda volta ringraziare il dottor Caviglia per la celerità e la precisione delle indicazioni fornitemi fino ad ora sia nell'orientamento diagnostico che terapeutico.Riporto l'esito degli esami EGDS e delle biopsie del colon e del duodeno...problema clinico: sierologia positiva per celiachiaAGA 303 EMA positivo Transglutasminasi 110EGDS con biopsie multiple mirate:cardias beante con ernia jatale non ben valutabile per vomito paziente ed erosione longitudinale sovracardiale inferiore a 5mm,mucosa gastrica priva di grossolane lesioni,nulla al bulbo,mucosa del duodeno discendente di aspetto granulareDIAGNOSI:ernia jatale, esofagite grado A sec Los AngelesBiopsie su 2 frammentiDIAGNOSI:i frustoli di mucosa del piccolo intestino presentano:ORIENTAMENTO: correttoVILLI: con atrofiaRAPPORTO VILLO-CRIPTA: alteratoLINFOCITI INTRAEPITELIALI: aumentati >25x100ECCD3 non eseguitaGhiandole iperplasticheLamina propria: marcato infiltrato linfoplasmacellulare ed istiocitarioCONCLUSIONE sec.Marsh mod. Oberhuber: Tipo 3c atrofia severaPz.con diarrea acquosa da 40gg >20 scariche al gg no sangue calo ponderale, malassorbimentoBiopsie del colon ascendente 4 sigmoideo 5 retto 1Mucosa colica con architettura conservata e lieve riduzione della mucosecrezione. Nella lamina propria si osservano edema e un infiltato linfoplasmacellulare con componente attiva neutrofila;si osservano inoltre alcuni follicoli linfatici. La membrana basale non è ispessita.L'epitelio di superficie appare focalmente eroso,e dove valutabile è infiltrato di granulociti neutrofili e linfociti. Questi ultimi, valutati con immunoistochimica anti CD3, sono risultati pari a 22 ogni 100 cellule dell'epitelio di superficie, con un range da 18 a 26; minore la quota di linfociti T nell'epitelio delle cripte ghiandolari.Il quadro morfologico depone per una colite attiva con discreto incremento dei linfociti T intraepiteliali, ma va tuttavia integrato nel contesto clinico-sierologico complessivoDIAGNOSI: colite attiva con discreto incremento dei linfociti T intraepiteliali.Caro dottore, prendo da 5gg 25 mg di prednisone con una compressa di lansoprazolo e diete gf...attendo la visita con un suo collega.Per una situazione burocratica la prima visita me l'hanno fissata il 30/09 non venendo riconosciuta la priorità neanche con l'escamotage di richiedere la visita per rettorragia...il che,dovendo avere la prima visita mi è sembrato stranissimo,anche perchè ho l'esenzione...così ho chiamato i medici dell'ospedale che mi han curato i quali stanno vedendo di "intercedere"poichè loro stessi mi hanno sollecitato un incontro con lo specialista in tempi brevi...Preso atto che ogni individuo reagisce differentemente come da Lei indicatomi in precedente consulto sui tempi di remissione,Le chiedoCome sono messo? cordialmente e con stima GL