Buongiorno. Mi ritrovo spesso a mangiare in montagna da un amico. Questo mio amico (che so aver fatto alcune trasfusioni una ventina d'anni fa), ha l'abitudine di bere acqua per inghiottire una pillola, solo che lascia poi il bicchiere nelle stoviglie lavate a mano (però dopo questa bevuta non lo lava, quindi il bicchiere ha già "subito una bvuta"... Leggi di più e quindi é sporco, poco, ma lo é). Ora, essendomi accorto ora di questo suo vizio, vorrei sapere se corro qualche rischio di infezione da HCV/HBV. Per HBV sono vaccinato con buon titolo anticorpale. Spesso però mi é capitato di avere labbra screpolate per il freddo e di mangiare a casa sua. Piccoli taglieti brucianti, insomma. Potrebbe esserci verosimile via di contagio nel caso di piccole lesioni anche da parte sua? Immagino che, facendo escursioni in comune, anche lui subisca l'effetto screpolante del freddo sulle labbra. Si richiede test con urgenza oppure la possibilità é bassa? I test li farò comunque, perché maneggio molti animali per lavoro che possono esporre a graffi non sempre monitorabili e valutabili come rischiosi. Generalmente eseguo HBV, HCV, e HIV una volta ogni 1-2 anni. Volevo poi sapere quanto sono diffuse le varianti antigeniche S del Virus B, ovvero gli escape mutants che, a seguito di mutazione nella catena proteica della HBsAg, possono far fallire il vaccino.Il Vaccino non é per niente efficace contro queste varianti o é solo "meno efficace"?Com'é possibile essere certi di non contrarre tali forme se possono sfuggire ai normali tests basati sul comune antigene Australia?CordialmenteGiovanni