19-11-2012

Carissimo dott. de domenico, la ringrazio per la

Carissimo dott. De Domenico, la ringrazio per la celere risposta al mio quesito numero OWB7564WN3. I miei sintomi, sempre più strani ed ondivaghi, mi hanno portata a fare una visita neurologica in cui il medico mi ha rassicurata dicendo che non vede nessun tipo di spia di malattia neurologica. Mi ha fatto una approfondita visita e abbiamo parlato tanto. Mi ha prescritto moltissime analisi del sangue e una cura di magnesio, calcio e vitamina b. Inoltre mi ha consigliato una visita psichiatrica per la quale adesso prendo un antidepressivo ed il gabepentin(da 5 giorni). Le analisi sono perfette (ho appena il magnesio un po' basso, un pochino di albumina alta ed un pochino basse le gammaglobuline, ma sia il neurologo che il mio MMg hanno detto che lo stress sicuramente ha contribuito a tutto ciò). Non ho più avuto parestesie ed anche le fascicolazioni sono praticamente sparite, anche se ho tanta tantissima stanchezza ed il mio umore, per adesso è rimasto molto basso. La settimana scorsa ho avuto mal di gola ed il terrore sla e sm è tornato, ma non ho problemi a deglutire, solo la sensazione di un po' di catarro che "non va giù", un po' di naso chiuso. Entrambi i medici sono concordi nel non farmi fare accertamenti tipo RMN o EMG, perchè secondo loro, non è in alcun modo necessario. Adesso naturalmente, a causa della tensione nervosa ho una cefalea che mi parte dalla cervicale e si irradia, come un fastidioso calore ed una pesantezza alla testa, ma stasera voglio andare ad allenarmi e vedere un po' come mi comporto. Io mi fido dei medici ai quali mi sono rivolta, ma un altro parere illustre forse mi servirà....dico forse perchè in alcuni momenti sto decisamete meglio, ma soprattutto la sera comincia a "pesarmi" il braccio sinistro e mi sembra di tornare indietro di 3, 4 settimane. La paura mi sta logorando, anche se sono riuscita (non so come) a lauerarmi a pieni voti ed a superare giornate che davvero non auguro a nessuno. Grazie mille per la sua attenzione e scusi se approfitto di nuovo di questo utile servizio, ma, sicuramente lo sa meglio di me, non è facile uscire da questo vortice.
Risposta di:
Dr. Pietro De Domenico
Specialista in Neurologia e Psichiatria
Risposta

Credo che lei abbia intrapreso la strada giusta: farsi seguire in maniera sistematica da medici specialisti. Visto che l'hanno rassicurata sull'assenza di malattie organiche, cerchi di non lasciarsi prendere dal panico alla comparsa di un qualsiasi sintomo fisico che poco ha a che vedere, comunque, sia con la SLA che con la SM. Continui la cura psichiatrica (forse è ancora troppo presto per radicali miglioramenti) sempre sotto periodico controllo specialistico.

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia