08-03-2018

Chiarimenti esito risonanza magnetica

Buonasera,

ho 31 anni e dallo scorso agosto soffro di lombosciatalgia ricorrente.

Anche nei periodi in cui non sono in fase acuta avverto sempre un senso di indolenzimento e rigidità al piede e alla gamba destri. Ho svolto una risonanza magnetica, in attesa di mostrare al mio ortopedico i risultiati, vi chiedo gentilmente dei chiarimenti su quello che è emerso: Il midollo dorsale inferiore indagato è normale per morfologia e caratteristiche di segnale ed il cono midollare termina a L1. Rachide lombare rettilineo per raddrizzamento della fisiologica lordosi. Nella norma le dimensioni del canale rachideo. Lieve incremento dell’angolo sacro coccigeo. Minimo atteggiamento scoliotico destro convesso. Minimo impegno degenerativo delle interapofisarie nel tratto lombare medio ed inferiore, reperti lievemente più evidenti a L4-L5 e L5-S1; è apprezzabile un parziale difetto di orientamento delle faccette articolari posteriori.

Sfumati fenomeni da sovraccarico nel contesto del peduncolo vertebrale destro di L5. In pressochè tutto il tratto indagato sono apprezzabili minime produzioni osteofitosiche marginali somatiche a distribuzione anteriore. Piccole cisti radicolari a L5 a sinistra e S1 a destra. Sostanzialmente normorappresentato lo spazio sub-aracnoideo premidollare. A D11-D12, compatibilmente con i limiti di fine bobina, è possibile apprezzare una salienza discale dai profili ossei posteriori paramediana destra che impronta lo spazio sub-aracnoideo premidollare. A L3-L4 salienza discale dai profili ossei posteriori che impronta lievemente la parete corrispondente del sacco durale e che si estende nel versante prossimale del canale di coniugazione di destra ove maschera il tessuto adiposo periradicolo-ganglionare giungendo in contiguità della corrispondente struttura ganglio-radicolare. A L4-L5 salienza discale dai profili ossei posteriori che impronta la parete corrispondente del sacco durale, si estende nel versante prossimale dei relativi canali di coniugazione giungendo il contiguità delle corrispondenti strutture ganglio-radicolari con lieve prevalenza sinistra.

Grazie

Risposta di:
Dr. Daniele Prosetti
Specialista in Neuroradiologia e Radiodiagnostica
Risposta

Basandosi solo sul referto, in sintesi vi sono alterazioni degenerative e scoliosi, da cui verosimilmente la lombalgia, ed un modesto conflitto disco-radicolare L3-L4 destro, verosimilmente responsabile degli episodi sciatalgici.

TAG: Adulti | Esami | Giovani | Ortopedia e traumatologia | Ossa | Radiodiagnostica | Schiena | Sistema Muscolo-Scheletrico
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!