03-08-2012

child-pugh

A mio marito,anni 55,da pochi giorni,dopo un ricovero in ospedale, e dopo aver fatto una marea di esami diagnostici e clinici,è stata diagnosticata la cirrosi epatica causata,pare, da uno scompenso metabolico dovuto all'obesità. E' astemio, non ha nessun tipo di epatite ecc.ecc.Sta facendo una terapia farmacolgica adeguata, compresa di diuretici per l'ascite,dieta iposodica e ipocalorica, movimento.Vorrei sapere,visto che non è stato chiarito, quanti sono i gradi o livelli di cirrosi e se si misurano a lettere o in numeri. E'urgente.Grazie.
Risposta di:
Dr. Luca Fontanella
Specialista in Geriatria e Malattie del fegato e del ricambio
Risposta

Non esiste un grado o livello di cirrosi. Credo Lei si stia riferendo o al grado di fibrosi istologica praticata con la biopsia epatica o al grado di funzionalità epatica valutata con il punteggio di Child-Pugh. QUesto sistema valuta la funzionalità epatica basandosi sui valori di: INR, Bilirubina frazionata, Albuminemia, presenza di ascite ed encefalopatia. I pazienti i base a questi valori possono essere classificati in tre gruppi A, B, C dove il primo esprime un grado di discreto compenso epatico, mentre il terzo di grave disfunzione. Altro tipo di punteggio è il MELD score, il quale viene spesso utilizzato per la decisione di inserimento in lista trapianto epatico

TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna