Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

09-05-2006

Circa 2 anni fa episodio di palpitazioni

CIRCA 2 ANNI FA EPISODIO DI PALPITAZIONI IMPROVVISE CON RICOVERO PRESSO PRONTO SOCCORSO F.C. 135 RITMICO CIRCA 6 MESI DOPO STESSO EPISODIO CON TONI CARDIACI ARITMICI FC 150 BPM CON RISCONTRO DI FIBRILLAZIONE ATRIALE TACHICARDICA SINUSALE CON FREQUENTI BESV ANCHE IN COPPIE E TRIPLETTE. REFERTO HOLTER: BATTITI ECTO SOPRAVENTRICOLARI ISOLATI: 16891, BIGEMINISMO 1036, TRIGEMINISMO 618, COPPIE 3, SALVE 1 BATTITI VENTRICOLARI ISOLATI: 101. RITMO SINUSALE CON CONSERVATA VARIABILITA' NICTEMERALE DELLA FREQUENZA. FREQUENTISSIME EXTRASISTOLE CON UNA TRIPLETTA NON SIGNIFICATIVE MODIFICAZIONI DEL TRATTO ST-T. FAMILIARITA' PER CARDIOPATIA (SCC,PM) ANEMIA IPOCROMICA IPOSIDEREMICA LIEVE IN TERAPIA MARZIALE. EPISODIO DI FAP PAROSSISTICA E REGRESSIONE SPONTANEA NEL MAGGIO. PAZIENTE SINTOMATICA PER PALPITAZIONI RICORRENTI. TEST ERGOMETRICO NEGATIVO. FUNZIONE TIROIDEA NELLA NORMA. TERAPIA IN CORSO: FERROGRAD - 2 COMPRESSE DI RITMONORM. ULTIMO ECG 08/04/06 TACHICARDIA SINUSALE 100 BPM BESV. ECOCARDIOGRAFIA TRANSTORACICA: RIGURGITO MITRALICO DI GRADO LIEVE. CON LA CURA STO ABBASTANZA MEGLIO ANCHE SE AVVERTO LA SENSAZIONE DI ORECCHIO OVATTATO (COME ANDARE SOTT'ACQUA) E GIRAMENTO DI TESTA. VORREI SAPERE SE CI SONO ULTERIORI ESAMI DA FARE E SE QUESTE EXTRASISTOLE SONO NORMALI E QUINDI DEVO FARMENE UNA RAGIONE OPPURE NO. GRAZIE PER LA RISPOSTA.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Le caratteristiche riportate orientano verso episodi di fibrillazione atriale “isolata” cioè senza significativa cardiopatia organica associata. Data la ripetitività degli episodi è stato sicuramente corretto, dopo il primo, impostare terapia con Rytmonorm che andrà proseguita, oltre ad eventuale successivo controllo Holter (anche per ottenere maggiori informazioni sulle palpitazioni ricorrenti che riferisce). Al momento non emergono tuttavia indicazioni ad eseguire ulteriori accertamenti ad anche l’eventuale modifica delle strategie terapeutiche potrà essere presa in considerazione solo in caso di peggioramento dei sintomi.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!