29-03-2017

Colecisti da operare?

Buongiorno, dopo un ricovero in ospedale per un primo episodio di colecistite un mese e mezzo fa mi trovo di fronte a due pareri contrastanti. Mi hanno trovato dei calcoli di dimensioni inferiori a 5mm e mi hanno curato con antibiotici. Ora devo fare una collangiografia tra 10gg. Dopodiché, se l'esito sarà negativo, vorrei sapere che cosa è consigliato fare. Il mio medico sostiene che un'altra ecografia è inutile e tanto meno mettersi in lista per l'intervento: "aspettiamo di vedere se c'è una seconda colica, intanto stai a dieta" (tutta la vita?).
In ospedale invece mi hanno detto che l'operazione per loro va fatta, subito dopo aver controllato se i calcoli erano ancora lì con un'altra ecografia. Io sarei per intervenire, anche perché alcuni conoscenti mi hanno spaventato col discorso pancreatite etc. Che cosa mi consigliate di fare?

Risposta

Proprio perché i calcoli sono piccoli, possono più facilmente provocare complicanze (coliche biliari, colecistiti). Con gli antibiotici e la dieta i calcoli non si dissolvono. Sicuramente è consigliabile un controllo ecografico preoperatorio. Attualmente, rivolgendosi ad un Centro adeguato, l'intervento è molto meno invasivo e comporta una degenza più breve che in passato.

TAG: Chirurgia generale | Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!