06-09-2016

Colesterolo e rischio infarto

Buongiorno sono un uomo di 45 anni, sono alto 1,73 e peso 70 kg. Non ho alcun tipo di patologia particolare, ho sempre effettuato una moderata attività fisica anche se, negli ultimi mesi, mi sono praticamente fermato. Il mio problema (direi da anni) è il colesterolo HDL decisamente basso. Nelle ultime analisi ho riscontrato i seguenti valori: colesterolo totale 180; HDL 31; Trigliceridi 173.
Non sono iperteso. Familiarità: mio padre 80enne iperteso (assume farmaci da oltre 40anni) nessun episodio di infarto, analisi del sangue perfette; mia madre 67enne ipotesa, nessun episodio di infarto, colesterolo totale alto (tra 230 e 270) assume un blando farmaco per tenerlo sotto i 200.
Cosa rischio con questi valori? Cosa devo fare? Il mio medico curante mi ha detto che non devo assumere nessun tipo di farmaco, non devo preoccuparmi di nulla perché non ci sono problemi e devo solo mangiare molto pesce. Cordiali saluti.
Risposta di:
Prof. Luigi Iorio
Specialista in Cardiologia e Medicina interna
Risposta
Gentile signore,
accanto ai valori di colesterolo totale e di colesterolo HDL è necessario anche determinare il colesterolo LDL, che dev'essere su valori inferiori a 100 mg/ml. Il valore di quest'ultimo riveste una maggiore importanza prognostica. Senta i consigli del suo medico curante che la invitano ad avere una dieta con pesce e carni bianche, olio di oliva ex. e riprenda a fare ginnastica tre volte a settimana. Auguri, prof. Luigi Iorio
TAG: Biochimica clinica | Cuore | Esami | Malattie dell'apparato cardiovascolare | Patologia clinica