Buonasera, sono un ragazzo di 28 anni che da circa 8 anni soffre di problemi intestinali quali gonfiore,diarrea e crampi. negli anni ho effettuato diverse volte esami delle feci ed esami del sangue e ad agosto ho effettuato una lastra all'addome. gli esami sono sempre risultati nella norma e mi è stata diagnosticata la sindrome del colon irritabile. Ad ottobre in seguito all'intensificarsi dei sintomi accompagnati da fascicolazioni e formicolii agli arti mi sono rivolto nuovamente al medico di base il quale mi ha prescritto esami del sangue più approfonditi. dagli esami sono emerse carenze di folati e vitamina b12, il medico mi ha prescritto integrazione tramite compresse. Ad inizio febbraio, non essendo spariti i sintomi ho effettuato degli esami di controllo dai quali è risultato che i folati sono nella norma mentre la b12 è ancora carente, il medico mi ha prescritto integrazione tramite punture. mi rivolgo a voi in quanto vorrei capire se è il giusto modo di trattare tali carenze, l'integrazione potrebbe anche risolvere la carenza momentaneamente ma credo che se ci fosse un problema esse si ripresenterebbero. Può il colon irritabile portare a tali carenze? mi scuso per la spiegazione prolissa ma era necessaria per descrivere il quadro completo. Grazie, Cordiali saluti.