L’ESPERTO RISPONDE

Una dieta carente in frutta e verdura dà carenze a lungo termine

Gentile dottore, ho una preoccupazione: mio figlio, 35 anni, non mangia né frutta né verdura. Ho cercato di fargli capire quanto è importante, ma non vuole sentire ragioni, affermando che gli fanno nausea. Gli ho anche fatto presente che, per ora può anche non avvertirne la necessità ma, quando sarà avanti con gli anni diventerà un grosso problema, senza considerare il rischio di varie patologie, più o meno gravi, cui andrà incontro. Cosa mi consiglia? Quali cibi deve preferire per un minimo di apporto sulle sostanze contenute in frutta e verdura? Grazie di cuore per quello che vorrà suggerirmi. Grazie

Risposta del medico
Specialista in Nutrizione e Scienze dell'alimentazione

 Una dieta sbilanciata può essere accettata dal nostro corpo solo per un periodo breve di tempo;  lungo andare si affacciano le carenze e le patologie. Certo potrebbe assumere multivitaminici per compensare nell'immediato, ma purtroppo non è consigliabile, in quanto tutte le vitamine e antiossidanti naturali presenti nella frutta e verdura non sono equiparabili in nessun modo ad alcun ricostituente, con tutti i rischi che ne conseguono. Se l'alimentazione si basa su prodotti di origine animale, ne consegue come minimo un aumento del colesterolo e un danno specialmente alle arterie. Se l'alimentazione si basa sui prodotti del grano, risulta comunque carente, speialmente in tutte le vitamine che vengono degradate con la cottura oltre che in antiossidanti. Inoltre si è visto che frutta e verdura hanno un effetto protettivo notevole anche nei confronti dei tumori oltre che di diverse malattie. Bisogna calcolare comunque che la frutta e la verdura fresca possono risultare indigeste da chi ha l'apparato digerente infiammato. Per questo potrebbe andare dal suo medico per fare degli esami e una diagnosi in questo senso (es. gastrite, allergie alimentari, celiachia, ecc). Se soffre di dolore allo stomaco potrebbe provare ad assumere un antiacido per qualche settimana; la terapia quindi di una possibile patologia di base potrebbe risolvere il problema.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Dieta per la psoriasi: i 5 cibi più indicati
Dieta per la psoriasi: i 5 cibi più indicati
1 minuto
Dieta ipolipidica: cosa mangiare?
Dieta ipolipidica: cosa mangiare?
3 minuti
Colesterolo alto, cosa mangiare
Colesterolo alto, cosa mangiare
3 minuti
Come lavare e disinfettare frutta e verdura
Come lavare e disinfettare frutta e verdura
4 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Napoli (NA)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Igiene e medicina preventiva
Arezzo (AR)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Enna (EN)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Avellino (AV)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Statistica Medica
Ostellato (FE)
Specialista in Scienza dell'alimentazione e Malattie dell'apparato respiratorio
Reggio nell'Emilia (RE)
Specialista in Medicina generale e Scienza dell'alimentazione
Venezia (VE)
Specialista in Dietologia e Scienza dell'alimentazione
Roma (RM)
Specialista in Scienza dell'alimentazione
Genova (GE)
Specialista in Medicina interna e Pediatria
Prov. di Roma