Come si può interpretare un valore di AST ripetutamente alterato (100-110) in presenza di valori normali di ALT e degli altri parametri epatici, in una paziente che gode comunque di buona salute e in precedenza presentava valori normali dell'enzima?