21-07-2012

con urocoltura negativa

SalveSono un uomo di 26 anni.E' cominciato tutto con un'infuenza intestinale, dopo qualche giorno è passata,e quando è passato è iniziato il dolore nella zona pelvica associato a bruciore durante la minzione, nient'altro. Il dott mi aveva dato il monuril (pensando ad una cistite) ma i sintomi si sono solo attenuati per una settimana. Ora mi è rimasto solo il dolore pelvico constante, a volte quasi impercettibile a volte più acuto, soprattutto mentre sto seduto. Da poco sento un fastidio all'inguine sx che schiacciando provo sollievo. Ho fatto un'ecografia scrotale ed è tutto nella norma, ho appena fatto l'urinocoltura ed è tutto ok. Il dott ora mi ha prescritto il cinetrin (Azitromicina diidrato) e il normix (Rifaximina) con l'intento di disinfettare il tratto urinario e intestinale perchè non sa bene cos'ho. P.S.: guardando su internet mi sembra che molti sintomi coincidano con la prostatite del III tipo (CPPS), è possibile? Perchè il dott dice che si sarebbe visto dagli esami che ho fatto se avevo una prostatite...non so piu cosa pensare...
Risposta

Gentile Signore,

direi che in effetti i sintomi e le modalità di insorgenza porteterbbero a pensare ad una prostatite in fase ormai sub-acuta. Come forse avrà già letto, i fastidi legati a questa infiammazione non sono legati alla sola fase acuta, quando è davvero possibile individuare dei batteri, sia nell'urina che nel liquido seminale. Oggigiorno, con l'abitudine di somministrare da subito potenti antibiotici, molte prostatiti risultano così "decapitate" e già dopo poco tempo gli esami risultano negativi, anche se i sintomi sono ancora presenti. Questa è la fase in cui la terapia antibiotica ha scarse possibilità di ulteriore effetto diretto, può talora essere controproducente. Sono invece necessari altri provvedimenti, non solo a base di farmaci, che devono però essere valutati attentamente caso per caso da uno specialista urologo nostro Collega. Questi la potrà seguire in un percorso presumibilmente non breve, ma da intraprendere con pazienza e costanza per riuscire ad ottenere dei risultati favorevoli.

Saluti

TAG: Reni e vie urinarie | Urologia