Salve, mio marito ha da poco effettuato una videocapillaroscopia periungueale con questo esito: "Aspetto generale: Colorito di fondo subcianotico; densità capillare conservata; lieve disomogeneità di morfologia delle anse capillari, normoorientate; plesso venoso non visibile.Flusso: Granulare, marcatamente rallentato.Morfologia delle anse: Anse tendenzialmente dilatate, di normale lunghezza, con modesto aumento di tortuosità e ramificazione; non anse arborescenti; rare micro emorragie isolate; non mega capillari.Conclusioni: discrete alterazioni morforeologiche, di tipo compatibile con fenomeno di Raynaud primario; non aspetti suggestivi per sclerodermia pattern."Premettendo che ha avuto qualche episodio del fenomeno di Raynaud circa 5 anni fa con temperature che arrivavano a -18 e lavorando con strumenti a percussione poi finora più nulla... Adesso ha già effettuato credo qualsiasi tipo di esame (anche reumatologici come ANA e simili, VES, PCR, REUMA test ecc...) e il tutto negativo. È risultato positivo solo allo Stafilococco Aureo resistente alla Pennicillina che ora sta curando con antibiotico appropriato.Negli ultimi 3 mesi ha avvertito forti dolori muscolari e alle articolazioni, difficoltà di deglutizione, prurito/bruciore al cuoio capelluto e rigonfiamento dei linfonodi di collo, ascelle ed inguine.Secondo voi, le alterazioni della capillaroscopia sono sufficienti per poter pensare ad una connettivite (fenomeno di Raynaud secondario, sclerodermia, ecc) oppure sarebbe meglio tranquillizzarsi sapendo che è primaria e che i sintomi potrebbero essere ricondotti al batterio Stafilococco Aureo?Mi chiedo ma se nelle conclusioni dell'esame c'è scritto che il fenomeno di Raynaud è primario come mai ci sono alterazioni (che un fenomeno primario non prevede)?Le alterazioni della capillaroscopia sono significative (cioè potrebbero sfociare in qualche malattia o potrebbero anche considerarsi nella norma?Vi ringrazio anticipatamente, cordialmente.