Buonasera, sono un uomo di 31 anni alto 187cm e 78kg di peso e lavoro in ufficio. Sin da piccolo ho avuto un epidermide molto sensibile ma non ho mai fatto ricorso a creme o altri medicinali in quanto le piccole bolle che comparivano dietro le gambe o schiena sparivano autonomamente. Da circa 3 anni invece soffro, e in continuo peggioramento, di... Leggi di più una dermatite che si è manifestata inizialmente sugli avambracci per poi con le diverse ricadute arrivare ad interessare tutto il corpo tranne palmo delle mani, piedi e genitali. Mi sono fatto visitare da dermatologi, allergologi e infettivologi che mi hanno riscontrato una dermatite atopica mentre altre volte parlavano di dermatite nummulare e ho fatto tali test: - varicella (negativo) - hiv (negativo) - celiachia (negativo) - biopsia (generica dermatite eczemica) - patch test ( indicati solo per esclusione di altre cause ma non riesco ad eseguirli poichè sono sempre sotto cura di pomate)Nel tempo le lesioni sviluppavano pus e venivo trattato con pomate (impetex) antibiotici (augmentin) e cortisone (medrol). Appena terminavo la terapia (circa 2 settimane) che all'apparenza funzionava, avevo ricadute sempre più critiche. Da poco mi hanno prescritto un ciclo di ciclosporina a basso dosaggio (2,5mg/kg) per 8 settimane. Sembra che riesca a tamponare le numerosissime lesioni ma non a guarirle completamente. E' possibile dopo tutti gli esami fatti non sapere ancora con certezza almeno quale risulta essere la patologia e stabilire una cura precisa senza fare continui tentativi?Considerato il grande disagio nel cambiare spesso cura e fare continue visite specialistiche che in pratica non portano a nulla di risolutivo, in base alla vostra esperienza avete qualche suggerimento su qualche altro controllo ematico, cambio alimentazione o qualsiasi altro tentativo che può portare un beneficio sistemico? Scusate lo sfogo ma sono 3 anni che vivo questa situazione stressante tra visite, soldi spesi, permessi lavorativi e assunzione di medicinali. Grazie davvero