24-05-2008

diagnosi differenziale e rimedi

deficit erettile.Ho 50 anni, da 2 anni sono diabetico (tipo 2) e iperteso. Osservo la seguente tarapia: mattino - aprovel 150, metforal 500, pranzo - metforal 500 , cardioaspirin 100, sera - metforal, selectin 40.Da circa 15 mesi soffro di deficit erettile a volte totale e a volte parziale. Con mia moglie vorremmo tentare una 3^ gravidanza, abbiamo 2 figli 13 e 5 anni, esistono rimedi alla mia insufficienza erettile? Se si, quali? Vi ringrazio anticipatamente.
Risposta
Gentile lettore In generale, nel soggetto diabetico, possono subentrare dei problemi sessuali come l'eiaculazione retrograda (che precede di mesi o anni l'impotenza), l'aneiaculazione (che precede l'impotenza ed è causa di sterilità) e l'impotenza (che è di competenza dell'andrologo). L'impotenza può essere transitoria (a motivo di un malcompenso metabolico) e cronica. I disturbi erettili si possono distinguere in quelli di natura psicogena ed organica. Possibili altre cause di impotenza possono essere: abuso di alcol, cannabinoidi, farmaci antiipertensivi oppure psicotropi. Tra gli esami che vanno eseguiti vi sono: NPT + EEG dinamico. NPT = Nocturnal Penile tumescens test EEG dinamico = Dimostra l'assenza di erezioni malgrado la comparsa delle fasi REM del sonno. Se le erezioni sono assenti si tratta di impotenza organica. Se le erezioni sono presenti si farà una valutazione psicologica. Si effettueranno: 1) Lo studio dell'asse ipotalamo-ipofisi-testicolo (se positivo: si parlerà di impotenza di origine endocrina); 2) Doppler; indice braccio-pene; angiografia digitale; se positivi: si parlerà di impotenza di origine vascolare; 3) Riflesso bulbo cavernoso; beat to beat variation; test alla papaverina. Se positivi: si parlerà di impotenza di origine neurogena. La terapia sarà la seguente: 1) Se vi è una causa endocrina: vi sarà una terapia endocrina; 2) Se vi è un disturbo vascolare vi sono i seguenti rimedi. Se la patogenesi è esclusivamente vascolare: rivascolarizzazione microchirurgica; protesi semirigide o protesi gonfiabili nei corpi cavernosi. 3) Se il disturbo è solo neuropatico (autonomica, periferica): la terapia è medica, scegliendo tra le seguenti: -- papaverina 40 mg iniettati nei corpi cavernosi, ma determina tumescenza duratura: 12 ore e possibile priapismo irreversibile; -- Alfa 1 bloccanti (fentolamina, fenossibenzamina) -- Alprostadil (Caverject fl 5, 10, 20 mg); -- Sildenafil citrato (Viagra) cpr 25, 50, 100 mg : durata d'azione 4 ore -- VArdenafil (Levitra): durata d'azione 4 ore -- Tadalafil (Cialis): durata d'azione oltre 17 ore -- Apomorfina cloridrato (Apofin - Ixense - Tuluvian - Uprima) cpr sublinguali. Sono consigliati anche: 1) calo ponderale se in sovrappeso; 2) Attività fisica 3) Miglioramento del controllo glicemico. Gentile lettore, Nel suo caso c'è da segnalare che il "Selectin" può dare disfunzioni sessuali, modificazioni della libido, mentre il suo antiipertensivo negli effetti collaterali non segnala disfunzioni sessuali. Cordiali Saluti Dott. Corso Concetto Diabetologo
TAG: Diabete | Endocrinologia e malattie del ricambio