13-07-2017

Dilatazione delle vie biliari

Buongiorno. A seguito di una EGDS effettuata su mio padre, (71 anni, 1.65 circa peso 95KG, iperteso e con leggera aritmia cardiaca) dalla quale risultava che la papilla duodenale fosse ispessita ed ingigantita, su consiglio medico, abbiamo effettuato una TAC addominale con mdc, in quanto c'è il sospetto di una neoplasia all'ampulla di vater o al pancreas.
erco di sintetizzare il referto della TAC. Reni, milza, vescica, vescichette seminale nella norma. Fegato di volume normale, a densità disomogenea per presenza, nel suo contesto, di piccole lesioni nodulari ipodense similcistiche (già presenti in precedente esame datato 2014). Lieve dilatazione delle vie biliari intra-epatiche, della via biliare principale con iperdistensione della colicisti. Pancreas morfo-volumetricamente nei limiti, con cellule lasso circostante libero. Prostata di volume normale, a densità disomogenea. Non visibilità di linfoadenopatie nell'ambito della risoluzione TC.

Gentilissimi dottori, volevo chiedere se si possono escludere patologie tumorali e altre indagini da fare per capire il motivo dellla dilatazione delle vie biliari. Grazie

Risposta di:
Prof. giorgio enrico gerunda
Specialista in Chirurgia dei trapianti e Chirurgia dell'apparato digerente
Risposta

Gentile signore la dilatazione delle vie biliari fa pensare ad una possibile patologia infiammatoria o neoplastica della papilla di vater. Per sapere di cosa si tratta è necessario fare una gastroscopia con biopsia della papilla associando una ecoendoscopia per valutare le dimensioni interne della papilla e nel caso per capire (la TAC non lo dice) se è infiltrato il pancreas. Cordiali saluti. Gerunda

TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia