Ho 60 anni e mi alleno con i pesi dal 1976. Ho avuto un distacco del tendine capo lungo bicipita brachiale e, l'ortopedico del pronto soccorso, mi ha informato che nel mio caso la terapia è conservativa. Sempre secondo l'ortepedico del PS, la tenodesi è riservata a soggetti giovani che praticano spot impegnativi. Sicuramente non sarò più giovanissimo, ma comunque accettare un handicap muscolare e visivo (il bicipite è molto sviluppato e scende vistosamente verso il basso) quando la mia performance sportiva è eccellente, proprio non riesco ad accettarlo. Ho sentito parlare di ricostruzione del tendine in centri di traumatologia sportiva, gradirei un vostro consulto, grazie.