Infradito: fra amore per la moda e rischi per i piedi e la schiena

infradito fra amore per la moda e rischi per i piedi e la schiena

I sandali infradito sono uno dei must dell’estate.

Comodi e di tutti i colori sono un elemento irrinunciabile per gli amanti della spiaggia e della comodità.

E se all’inizio erano considerati sandali femminili, oggi sono invece utilizzate da tutti e a tutte le età.

Ma ecco che scatta l’allarme dell’American Podiatric Medical Association: "indossare troppo a lungo gli infradito – soprattutto se di gomma – fa male alla salute". La mancanza di arco plantare è un vero nemico per la schiena e favorisce la cattiva postura che porta, a lungo andare, ad infiammazioni e dolori.

Attenzione quindi a usarli troppo a lungo: preferendo la comodità si potrebbe mettere a rischio la salute della schiena e una corretta postura.

Ma non sono solo questi i problemi che preoccupano i podologi: dopo aver tenuto i piedi stretti in scarpe chiuse per tutto l’inverno, appena arriva l’estate si esagerà con infradito rasoterra ed ecco che vengono fuori vesciche e calli che, se non curati prontamente, possono causare infezioni.

Le dolorose e apparentemente innocue vesciche possono creare fastidiose irritazioni, oltre al fatto che esporle all’aria e a possibili pericoli aumenta il rischio che si infettino.

Attenzione, quindi, a usare gli infradito se si hanno vesciche che vanno, invece, protette da sabbia e sporcizia.

Un pericolo da non sottovalutare è il rischio di cadere e scivolare. Le possibilità di inciampare e farsi male aumentano se il piede è più libero di muoversi, quindi attenzione quando si portano.

Infradito al bando, quindi? Gli esperti non sono cosi drastici ma consigliano di usarli con più moderazione e, se possibile, evitare quelli in gomma, preferendo una suola più rigida e un plantare più definito in modo da proteggere il piede dal rischio distorsioni.

Attenzione anche all’igiene dei piedi, perché con gli infradito il piede è più esposto a polvere e sporcizia e al benessere di gambe e polpacci: getti di acqua calda e fredda possono essere un toccasana per riattivare la circolazione, soprattutto se accompagnati da massaggi con creme idratanti.

Il messaggio è chiaro: un occhio alla moda e un altro alla tutela dei nostri preziosi piedi.

Il punto di vista
Ortopedia e traumatologia

Le calzature preferite dalle donne durante la stagione estiva possono danneggiare la salute dei nostri piedi, in particolare tallone e volta plantare.

Ecco perché raccomando l'uso di sandali con chiusure e plantare per garantire un miglior supporto al piede: la suola molto piatta, l’assenza di arco plantare e di ammortizzazione non offrono alcun supporto al calcagno e alimentano una cattiva postura e conseguenti infiammazioni tendinee.

Chi le infradito le indossa tutti i giorni, nonostante la loro apparente comodità, è più soggetto a dolori al tallone, alla volta plantare e all’anca.

La maggior parte di questi problemi è causata dai movimenti che il nostro corpo esegue per non far scivolare questo tipo di calzatura dal piede.

Inoltre, chi le utilizza anche per lunghe camminate in città, specialmente in vacanza, avrà notato quanto siano scivolose, pericolose nella guida e spesso causa di infezioni generate dalle piccole ferite che si creano tra l’alluce e il secondo dito.

Per questo stesso motivo sono sconsigliate le pantofole perchè non provviste di laccetto che tenga fermo il piede e che consenta il suo rotolamento.

26/11/2015
07/04/2010
TAG: Ortopedia e traumatologia | Estate