L’ESPERTO RISPONDE

distiroidismo ed iperparatiroidismo

Gentili dottori,sono a chiedervi un consulto in seguito al verificarsi di una sintomatologia riccorrente negli ultimi 5-6 anni ma che ancora rimane senza una spiegazione precisa. Sono una donna di 33 anni, con un peso nella norma che si è sempre alimentata in maniera corretta e sana e che ha sempre praticato sport (eccezione fatta per gli ultimi... Leggi di più anni in cui a causa degli impegni legati alla maternità ed al lavoro non ho potuto praticare sport come avrei voluto). Negli ultimi anni, ed in maniera ancora più evidente dopo la maternità che è avvenuta ad agosto 2008, mi capita spesso di vivere periodi in cui si manifestano per mesi i seguenti sintomi:-Risvegli notturni a causa dell’eccessiva sudorazione- In particolare mi sveglio perché completamente fradicia soprattutto nella parte alta del torace e nella testa, talmente tanto da dover cambiare pigiama e cuscino e dover asciugare i capelli con il phon. Dopo essermi cambiata riprendo regolarmente sonno-Sensazione di affanno e di battiti cardiaci accelerati sia durante il giorno sia la sera;-Fitte al torace (all’incirca alla base del seno sinistro verso il centro del torace) che a volte sembrano estendersi anche al braccio sinistro-Falsata sensibilità termica (avverto molto freddo soprattutto alla sera ed a volte molto caldo all’improvviso)-Ovulazioni molto molto dolorose (molto più del ciclo mestruale)-Ciclo mestruale alterato (si alternano cicli molto abbondanti a cicli praticamente inesistenti)-Cistite ricorrente (quasi cronica) con episodi di cistite emorragica acuta-Stato di irritabiltà e ansia-Tracheite ricorrente-Innalzamento pressione sanguigna (normalmente ho la pressione medio bassa, la massima inotrno ai 115 e la minima intorno ai 65-70, mentre in questi oeriodi di alterazione generale sono arrivata ad avere la pressione anche a 170Aggiungo che esiste una ciclità nella presentazione di questi sintomi, tipicamente la situazione generale inzia a degenerare intorno a Dicembre- Gennaio per raggiungere l’apice sempre in primavera e poi iniziare a migliorare con l’inzio dell’estate. In questi periodi ho avuto anche due episodi di corpo luteo emorragico molto importanti (tanto da richiedere il ricovero in ospedale per una settimana circa con un calo del livello di emoglobina da 14,5 a 7,5 g/dL).In questi anni ho effettuato vari esami, soprattutto di tipo ginecologico visite, ecografie, pap-test, colposcopia, isterosalpingografia) e cardiaco (elettrocardiogramma, ecocardiogramma, holter) dai quali non è emersa alcuna patologia. Eppure i sintomi indicati ci sono e sono stati rilevati anche dai vari medici che mi hanno visitata. Ultimamente il mio medico di base mi ha mandata da un endocrinologo che mi ha prescritto una serie di esami del sangue dei quali riporto i risultati principali:VES 6Fibrinogeno254 mg/dLGlucosio80 mg/dLCreatinina 0.74 mg/dLBilirubina totale0.69 mg/dLSodio139 mmoli/LPotassio3.8 mmoli/LCloro107 mmoli/LCalcio totale9.68 mg/dLFosforo3.91 mg/dLMagnesio1.60 mg/dLProteine totali6.7 g/dLPCR0.13 mg/dLFerro119 mcg/dLAcido Urico3.29 mg/dLTrigliceridi75 mg/dLColesterolo totale175 mg/dLColesterolo HDL68 mg/dLTSH1.170 mU/LFT33.19 pg/dLFT40.97ng/dLFerritina38.40 ng/mLVitamina B12607 pg/mLFolati4.1 ng/mLCEA0.39 ng/mLCA 19-9 3.65 U/mLCA 125 5.52 U/mLCA 15-3 21.40 U/mLPTH 55.80 pg/mLP-AMILASI PANCREATICA28 U/LVitamina D14.3 ng/mLIn seguito alla visione delle analisi il medico ha individuato una grave carenza d vitamina D che ha dato luogo ad una forma di iperparatiroidismo secondario che ha suggerito di curare attraverso la somministrazione di vitamina D. Vi chiedo cortesemente di indicarmi se tutti i sintomi sopra descritti possono essere legati alla carenza di vitamina D o, a quale altra patologia potrebbero essere correlati e quali esami/visite mi consigliate in merito.Ringrazio anticipatamente per la disponbilità,Cordiali saluti.

Risposta del medico
Specialista in Chirurgia generale e Endocrinologia e malattie del ricambio

 Gentile paziente credo che dovrabbe approfondire meglio sia lo stato della sua tiroide con uno scudio ecografico con color-doppler della ghiandola sia con un completamento degli esami fin qui fatti ad esempio con una valutazione paratiroidea  ( dosaggio PTH calcio ionizzato) ed anche una valutazione degli anticorpi antiTPO, antiTG, antirecettore TSH; e poi si rivolga ad un endocrinologo specialista che saprà farle una giusta diagnosi e conseguentemente le consiglierà una terapia adeguata.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Santa Maria Capua Vetere (CE)
Specialista in Medicina generale e Endocrinologia e malattie del ricambio
Cadorago (CO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Endocrinologia e Endocrinologia e malattie del ricambio
Modena (MO)
Specialista in Pediatria e Endocrinologia e malattie del ricambio
Prov. di Milano
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Ginecologia e ostetricia
Bologna (BO)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Palermo (PA)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Palermo (PA)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Diabetologia e malattie del metabolismo
Matera (MT)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)