Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

28-02-2013

tiroidite ed iperparatiroidismo

Gentilissimo dottoreho 42 anni, sono affetta da anni da tiroidite di Hashimoto.sono reduce da 2 gravidanze (2010 e marzo 2012). Sia prima che durante le gravidanze ho assunto -come ovvio- Eutirox cambiandone opportunamente il dosaggio (prima: 2 gg 75 e 5 gg 50, durante: 2 gg 100 e 5 gg 75). Dopo la prima gravidanza non ho avuto alcun problema, dopo quest'ultima invece i valori non si sono ancora ben normalizzati (tant'è che lo specialista mi ha consigliato di usare 3 gg la tiroxina da 75 e il resto della settimana quella da 50),ma niente di preoccupante tantoda volermi rivedere tra 2 anni...Subito dopo l'ultima gravidanza ho anche accusato dolori alle ginocchia e ai piedi. Le analisi hanno rivelato eccesso di paratormone (77 ng/L) ; e carenza di vitamina D (15.7 / nmol/L 39.2).Il medico di base non mi ha prescritto alcunchè poichè allattavo (e allatto) e perchè a suo dire le cose sarebbero rientrate.Da un mese e mezzo ho inziato ad accusare un fastidio al collo sul lato dx. Ho pensato a valori sballati della tiroide (lo sono assai minimamente ma rientrano e comunque lo specialista ha escluso che la mia condizione possa creare dolore; alla palpazione del collo poi non ha ravvisato nulla). Oppure ho pensato a un linfonodo "impegnato" da qualche infezione influenzale.Di mia iniziativa vado a farmi fare una ecografia tiroidea.Faccio presente che al momento dell'esame ero raffreddata.Gliene riporto l'esito.---> Non rilievi particolari per le ghiandole parotidi e le sottomandibolari. Tiroide in sede,un po' ingrandita con margini bozzuti (dimensioni del lobo di sin: asse longitudinale di 5,1 cm con spessore medio di 16 mm. Dimensioni del lobo di destra: asse longitudinale di 6 cm con spessore medio di 18 mm).L'ecostruttura della ghiandola è disomogenea, ipoecogena con sepimentazioni che delimitano delle pseudonodulazioni. Al color-doppler la ghiandola presenta diffusa accentuata vascolarizzazione.Dorsalmente al margine posteriore di entrambi i poli inferiori due piccole formazioni ipoecogene a contorni netti,una a destra, l'altra a sinistra, con maggior asse rispettivamente di 6 mm e di 4 mm compatibili con paratiroidi ipertrofiche. Lungo le catene ricorrenziali multipli linfonodi ingranditi, i più grandi con maggior asse di 12 mm. Linfonodi di aspetto reattivo anche in corrispondenza della catena giugulare profonda media e superiore d'ambo i lati,il più grande in sede giugulo-digastrica destra con maggior asse di 2,5 cm e spessore di 7mm)
Risposta di:
Prof.ssa Paola Grilli
Specialista in Chirurgia generale e Endocrinologia e malattie del ricambio
Risposta
Gentile paziente, alla luce di quanto riferisce credo che debba sottoporsi ad una visita specialistica endocrinologica perchè penso che lei abbia una recrudescenza della tiroidite associata forse ad un iperparatiroidmo primitivo che dovrà essere confermato con altri accertament che lo specialista le consiglierà e non ultimo le modulerà la terapia più idonea per integrare al meglio il contributo di ormone tiroideo al fine di evitare uno sfiancamento ghiandolare specie in questa fase postpartum .
TAG: Endocrinologia e malattie del ricambio | Ghiandole e ormoni
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!