12-09-2016

È necessario ripetere la gastroscopia?

Gentilissimo/a dottore/ssa ho un dubbio riguardo la possibilità di fare una nuova gastroscopia a distanza di tre anni da quella precedente. Premetto che normalmente non accuso disturbi, la mia alimentazione è sana e a parte qualche giornata critica dove avverto un po' di bruciore e di gonfiore io sto bene.
Il medico sostituto mi ha consigliato di ripetere l'esame ma sinceramente non sono così serena nel ripeterlo. Sinceramente non ho fatto nessuna cura specifica se non quella di mangiare in modo corretto.
La diagnosi è la seguente: Gastrite cronica lievemente atrofica e minimamente erosiva. HPO polipo iperplastico edematoso e congesto. HPO. Il polipo era di 5mm.
Prima di questo esame avevo fatto il test del respiro ed ero positiva all'Helicobatter. Ho fatto la terapia ed terminata con successo. La stessa gastroscopia ha confermato. Ho ripetuto ogni anno il controllo e a tutt'oggi sono negativa. Ritenete indispensabile che ripeta questo esame? Grata per l'attenzione, cordiali saluti.
Risposta di:
Dr. Luano FattoriniDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva
Risposta
A distanza di tre anni la gastroscopia è opportuna, anche se probabilmente la situazione è migliorata. Un altro esame utile, in attesa, potrebbe essere il gastropanel (pepsinogeno I, II, rapporto e gastrina), anche se naturalmente incompleto rispetto all'endoscopia con biopsie multiple su antro, angulus, corpo e fondo gastrico.
Cari saluti
TAG: Biochimica clinica | Esami | Gastroenterologia | Patologia clinica